Emergenza freddo: pronto il piano di assistenza del Comune per i senza dimora

Sono tanti quelli che rischiano la vita quando le temperature si abbassano perché costretti da diverse condizioni di disagio a vivere per strada

Emergenza freddo: come ogni anno è pronto il piano di assistenza dell’Amministrazione comunale. Per consentire a chi è costretto da condizioni di disagio di trovare riparo da pioggia e temperature rigide, le stazioni Museo e Municipio della linea 1 della Metropolitana resteranno aperte. Saranno inoltre aumentati i posti disponibili nelle strutture di accoglienza.

L’assessore al Welfare Monica Buonanno ha spiegato che per poter definire strategie adeguate di risposta ad alcune tipologie di disagio, nei prossimi giorni, incontrerà esperti della ASL Napoli 1: sono molti, infatti, i senza fissa dimora per cui non sono adeguate le tipologie di assistenza messe in campo dai servizi perché presentano problemi di tipo psichico, conseguenti anche a dipendenza da alcol o stupefacenti. Numerosi sono anche i casi - spiega un comunicato di Palazzo San Giacomo - di quanti preferiscono patire le conseguenze di notti all’aperto piuttosto che recarsi nei centri di accoglienza.

Per chi, per qualsiasi motivo, è costretto per strada, tra i vari servizi attivati particolare valenza sociale riveste quello di via Tanucci, all’interno del Real Albergo dei Poveri, inaugurato proprio quest'anno, con bagni e docce e un punto INPS che fornisce informazioni sulle possibilità di previdenze e sussidi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune di Napoli agli occupanti abusivi delle case popolari: "Potete regolarizzare"

  • Come impermeabilizzare il terrazzo da soli per fermare le infiltrazioni d'acqua e risparmiare

  • Calcare in bagno? Ecco come eliminarlo rapidamente e senza detersivi

  • Cos'è il bonus TV e a chi spetta lo sconto

  • Bagnoli: il mistero della chiusura del plesso scolastico Calise e il futuro della biblioteca Caccioppoli

  • I termosifoni accesi fanno bene alle piante?

Torna su
NapoliToday è in caricamento