Ganci a ventosa: come non farli cadere

Pratici ed economici, questi sostegni per asciugamani e utensili a volte deludono le nostre aspettative. Ecco come rimediare

Le prime ventose “meccaniche” risalirebbero addirittura al III secolo a.C. . Secondo gli studiosi erano costituite da piccole zucche che, applicate in un certo modo sulla pelle, risucchiavano gli umori dai malati. Sarebbe stato il padre della medicina in persona, Ippocrate, ad inventarle.

La ventosa che conosciamo noi, invece, è stata brevettata nel 1882. Da allora viene utilizzata per fissare oggetti ed apparecchi sui piani di lavoro o ganci sui muri di casa, quando vogliamo appendere piccoli oggetti senza perforare – e dunque danneggiare - i rivestimenti di piastrelle o materiali pregiati. Il problema, però, è che spesso, sul più bello, il gancio a ventosa ci pianta in asso e cade con tutto quello che avrebbe dovuto reggere.

Come funziona la ventosa: le ventose per uso domestico sono costituite di materiale plastico semirigido. Mediante pressione contro una superficie liscia e regolare, si forma un vuoto  che origina la forza che fa aderire il nostro gancio. Con il passare del tempo, soprattutto in condizioni di aria troppo secca, il materiale plastico si irrigidisce e restringe lasciando entrare aria che finirà per riempire interamente il vuoto e quindi farà cadere la ventosa.

Evitare che la ventosa si stacchi è possibile, facilissimo ed anche estremamente economico: dopo aver pulito molto bene la parete su cui applicarla, è infatti sufficiente spalmare la superficie della ventosa con un velo di colla vinilica o applicare una sola goccia di silicone al suo centro. Il collante, infatti, impedirà all’aria di riempire il vuoto e quindi manterrà l’aderenza della ventosa. Colla vinilica e silicone, inoltre, sono estremamente semplici da rimuovere, anche da superfici delicate, e non intaccano marmo, ceramiche pregiate, legno etc. . La colla vinilica, in particolare, quando si asciuga diventa praticamente invisibile e, essendo idrosolubile, si rimuover con un semplice panno umido, pulito e non abrasivo 

Potrebbe interessarti

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Spioncino digitale: per sapere sempre chi sta davanti alla tua porta

  • Vacanze: scendono i prezzi delle case nel Golfo di Napoli

  • Sabbia in casa: come liberarsene

  • Vacanze: come trovare la casa in ordine al rientro

  • Politiche abitative della Regione Campania: le coop non ci stanno

Torna su
NapoliToday è in caricamento