Bagnoli: il mistero della chiusura del plesso scolastico Calise e il futuro della biblioteca Caccioppoli

L'edificio di 4 piani, da tempo chiuso e abbandonato, potrebbe diventare un polo di riferimento per le attività culturali nel quartiere e incorporare la Biblioteca Caccioppoli

Si perde nel tempo - nel senso più letterale dell'espressione - la chiusura del plesso scolastico Calise dell’istituto comprensivo 78° Cariteo Italico a Bagnoli. La vicenda è emersa nel corso di un'apposita riunione della Commissione Scuola di Palazzo San Giacomo. Negli archivi della Municipalità - spiega infatti un comunicato del Comune - non vi è traccia del provvedimento anche se, in base al racconto dei tecnici, la chiusura sarebbe stata dovuta a problemi strutturali. Adesso, comunque, l’edificio di quattro piani è abbandonato, chiuso con un pesante cancello, apparentemente “dimenticato” dal territorio che ha trovato in altri plessi e istituti la risposta alla necessità di strutture per l'istruzione primaria.

Il plesso Calise è però ritornato al centro dell’interesse delle istituzioni su sollecitazione della Municipalità 10, da tempo alla ricerca di una nuova collocazione per la biblioteca Renato Caccioppoli, attualmente in via Zanfagna, in una sede che consente la consultazione e il prestito di libri, ma non utilizzabile per altre attività di carattere culturale. Un'esigenza per il territorio che, come ha spiegato il presidente Diego Civitillo, potrebbe trovare risposta proprio nel recupero  dell’ex Calise, una volta accertato che la struttura può essere destinata ad un utilizzo diverso da quello originario.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e animali domestici: gli errori da non commettere

  • Coronavirus e mercato immobiliare: "La casa resta bene rifugio anche durante la pandemia"

  • Gli alloggi disponibili in città per il personale medico-sanitario impegnato in prima linea

  • Arriva l'app per monitorare a casa i pazienti Covid

Torna su
NapoliToday è in caricamento