Palazzo Cirella: baluardo e simbolo del '48 partenopeo

La storia del bell'edificio settecentesco situato su via Toledo, in prossimità di Piazza Trieste e Trento

Partendo dal presupposto che "non è vero, ma ci credo", i napoletani avevano atteso con ansia l'avvento del 1848, sapendo che sarebbe stato un anno bisestile. I guai, infatti, non si fecero attendere: sull'onda della cosiddetta Primavera dei Popoli, anche nella nostra città scoppiarono i moti insurrezionali che ebbero tra i loro simboli e baluardi Palazzo Cirella.

Situato al civico 228 di via Toledo ed edificato nel '700, Palazzo Cirella all'epoca apparteneva al nobile Pasquale Catalano-Gonzaga, duca di Cirella, che era stato componente del Corpo dei Paggi di re Gioacchino Murat ed era cresciuto in un ambiente ispirato alle idee della Rivoluzione francese. Con il fratello Pietro e i due figli maggiori, Clemente e Luigi, Pasuqale aveva così aderito all'ala più radicale del movimento liberale napoletano e quando, fra il 14 e 15 maggio, i rapporti tra il re e i riformatori arrivarono alla rottura,non esitò ad imbracciare le armi. 

Palazzo Cirella si trovò al centro della linea di fuoco tra rivoltosi e truppe regie. A capo della barricata, eretta davanti all'ingresso monumentale, fu visto Pietro Catalano-Gonzaga, mentre Pasquale organizzava gli uomini sul tetto e dietro le finestre dell'edificio.

La barricata alla fine cedette sotto l'assalto dell'artiglieria regia. Il portone fu sfondato, il palazzo invaso e saccheggiato mentre la biblioteca e l'archivio vennero dati alle fiamme.

Oggi Palazzo Cirella resta un elegante edificio d'epoca affacciato su via Toledo, con un bel cortile con fondale di ispirazione vanvitelliana, abbellito da una fontana in stile tardo-manierista, con una scultura che simboleggia Atlante, in buona parte occupato da veicoli parcheggiati, in una fusion di eleganza e trascuratezza, magnificenza e rimpianto di bei tempi che furono

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune di Napoli agli occupanti abusivi delle case popolari: "Potete regolarizzare"

  • Come impermeabilizzare il terrazzo da soli per fermare le infiltrazioni d'acqua e risparmiare

  • Calcare in bagno? Ecco come eliminarlo rapidamente e senza detersivi

  • Cos'è il bonus TV e a chi spetta lo sconto

  • Bagnoli: il mistero della chiusura del plesso scolastico Calise e il futuro della biblioteca Caccioppoli

  • I termosifoni accesi fanno bene alle piante?

Torna su
NapoliToday è in caricamento