Politiche abitative della Regione Campania: le coop non ci stanno

Per le coop il 75% dei giovani in Campania abita con i genitori perché non riesce ad accedere ad una casa, neanche in locazione

In un comunicato a firma congiunta dei rappresentanti del settore abitazione - Aldo Carbone di AGCI, Antonio Gesummaria di Confcooperative e Mario Mosella di Legacoop - il Coordinamento Campano dell'Alleanza delle Cooperative italiane-Aci si schiera contro il programma di interventi di "Rigenerazione urbana" varato dalla Regione Campania.

"Il disagio abitativo non si risolve con il ripristino delle facciate dei fabbricati", accusa il Coordinamento Aci sottolineando che ben il 75% dei giovani coabita con i genitori  come "dimostrazione della difficoltà di accesso alla prima abitazione sul mercato libero, sia in locazione, che in proprietà".

"La programmazione di manutenzione e valorizzazione ambientale ed energetica degli edifici pubblici - spiegano i leader del settore abitazioni delle coop - ci sembra necessaria ma assai riduttiva rispetto ad un progetto più ampio e differenziato per dare soluzioni a chi non può accedere all’iniziativa privata".

Il Coordinamento Campano dell’Alleanza delle Cooperative annuncia quindi che "assumerà tutte le azioni giuridiche e politiche, a tutela dei propri associati, tese ad impedire l’attuazione di quanto deliberato dalla Giunta Regionale".

Potrebbe interessarti

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Spioncino digitale: per sapere sempre chi sta davanti alla tua porta

  • Vacanze: scendono i prezzi delle case nel Golfo di Napoli

  • Sabbia in casa: come liberarsene

  • Vacanze: come trovare la casa in ordine al rientro

  • Politiche abitative della Regione Campania: le coop non ci stanno

Torna su
NapoliToday è in caricamento