Le piante che in casa non dovrebbero mai mancare

5 ottimi motivi per "adottare" una pianta grassa

Resistenti e facili da curare, le piante grasse richiedono davvero pochissime attenzioni e danno carattere ad angoli e scaffali. E' per questo che sono amate dagli interior designers e dagli appassionati di home decor. Ma ci sono altri 5 ottimi motivi per avere in casa una o più piante grasse. Eccoli:

  1. Aria più pulita Una ricerca della Nasa ha dimostrato che le piante grasse sono in grado di purificare l’aria, eliminando le tossine e rimuovendo fino all'87% dei composti organici volatili (COV) ovvero i principali responsabili dell’inquinamento indoor come il benzene e la formaldeide, presenti in tantissimi prodotti di uso quotidiano: cosmetici, detersivi, inchiostri, tappeti e moquette. Le piante grasse, in particolare l’aloe e la sansevieria (nota anche come lingua di suocera) ne favoriscono lo smaltimento.
  2. Ricarica di ossigeno Per il processo di fotosintesi, tutte le piante rilasciano ossigeno durante il giorno, e anidride carbonica di notte. Le piante grasse invece (come anche le orchidee e le palme areca) producono continuamente ossigeno, sia di giorno che di notte: sono quindi perfette anche per la camera da letto, assicurando costantemente aria fresca e pulita.
  3. Più concentrazione Numerose ricerche hanno dimostrato che la presenza di piante grasse nell'ambiente di studio o di lavoro migliora i livelli di attenzione e le capacità cerebrali e aiuta la memoria a essere più efficiente del 20%.
  4. Meno malattie Uno studio condotto dalla Agricultural University of Norway ha rilevato una diminuzione del 60% dei tassi di malattia negli uffici dove ci sono piante grasse. Aiutano infatti a regolare l’umidità e quindi a prevenire raffreddore, tosse secca, mal di gola e pelle screpolata.
  5. Guarigione più rapida Le piante grasse non solo aiutano ad ammalarsi di meno, ma consentono di recuperare più rapidamente forze ed energie: lo dicono i ricercatori della Kansas State University che hanno condotto una ricerca che dimostra che le piante di questo tipo contribuiscono a ridurre sintomi influenzali, mal di testa, febbre, tosse, affaticamento e ansia
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e animali domestici: gli errori da non commettere

  • Coronavirus e mercato immobiliare: "La casa resta bene rifugio anche durante la pandemia"

  • Gli alloggi disponibili in città per il personale medico-sanitario impegnato in prima linea

  • Arriva l'app per monitorare a casa i pazienti Covid

  • Lockdown: è il momento del decluttering

Torna su
NapoliToday è in caricamento