Il divano: un ricettacolo di germi e batteri. Ecco come pulirlo

Sul divano sediamo, mangiamo, dormiamo, starnutiamo, tossiamo, con il risultato di trasformarlo in un contenitore di germi. Ecco come pulirlo

Il divano è uno degli arredi più utilizzati. E' qui che ci rilassiamo, a volte mangiamo, leggiamo  o chattiamo, guardiamo la tv e ascoltiamo musica, da soli o in compagnia. Per questo motivo è importante, sempre, avere cura di mantenerlo pulito.

Manutenzione quotidiana

Indipendentemente dall'uso che ne abbiamo fatto, una buona passata di aspirapolvere, con il giusto accessorio in base al materiale del rivestimento, consentirà di rimuovere anche dai punti più difficili briciole e polvere.

Divani in tessuto

Se il rivestimento è in tessuto, ovviamente sarebbe meglio se il divano fosse sfoderabile o, almeno per l'uso quotidiano, coperto con una protezione rimovibile, in modo da poter lavare tutto, comodamente, in lavatrice con l'aggiunta di uno specifico prodotto igienizzante. Se, invece, il vostro divano non è sfoderabile e non amate coperture né foulards, se le istruzioni del rivestimento non vietano l'uso di acqua o di particolari sostanze, per pulirlo al meglio ed eliminare residui di sporco potete utilizzare questa semplice soluzione: un litro di acqua, un bicchiere di aceto bianco, poche gocce di olio essenziale di eucalipto. Se preferite, potete sostituire l'aceto con un cucchiaio raso di bicarbonato. Inumidite un panno pulito e morbido, strizzatelo bene e passatelo su tutta la superficie. L'aceto bianco e l’olio di eucalipto elimineranno gli acari.

Compatibilmente con le istruzioni del tessuto di rivestimento, se il divano presenta macchie di cibo o bibite, potete provare con una soluzione fatta con un litro d’acqua e due cucchiai rasi di ammoniaca (sostituibile con succo di limone o bicarbonato). Inumidite le macchie e poi risciacquate bene con una spugna imbevuta d'acqua.

Se la macchia è resistente potete provare a strofinarla con un po' di sapone di Marsiglia (non liquido, ma in "pietra") dopo aver inumidito la zona. Lasciate agire per 15 minuti, quindi eliminate i residui di sapone con un panno umido. Per asciugare potete ricorrere ad un asciugacapelli, a basso calore, tenendolo a debita distanza per non creare aloni o rischiare di bruciare la stoffa.

Se il tessuto del divano lo consente, dopo aver passato l'aspirapolvere potete procedere con la lavapavimenti a vapore per eliminare batteri e macchie.  

Divani in pelle

I divani in pelle sono molto delicati, soprattutto se sono coloratii. Per non rovinarli è indispensabile un detergente neutro da passare con pelle di daino o, comunque, con un panno morbido non abrasivo. Non utilizzate mai acqua troppo calda o troppo fredda. Meglio tiepida.  

Se vi accorgete dubito che qualcosa è caduto sul vostro divano di pelle, tamponate e asciugate immediatamente, spargete del talco, e lasciatelo agire per una decina diminuti, quindi rimuovetelo delicatamente. Se l'alone persiste e il divano è in pelle bianca, usate del latte detergente per il viso e un disco di cotone. Se invece il divano è in pelle colorata, mettete sulla parte interessata poco sapone di Marsiglia liquido, passate la pelle di daino umida e asciugate con un panno asciutto.

Prodotti online per la pulizia del divano

Bicarbonato

Olio di Eucalipto

Aceto bianco

Lavapavimenti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Casa: con 200mila euro quanti metri quadri si comprano in media a Napoli?

  • Come visionare appartamenti e immobili senza rischi di contagio: l'iniziativa di un pool di giovani imprenditori di Afragola

  • Condizionatori: perché sbagli a non pulirli

  • Giardino, i migliori arredi per gli spazi esterni di piccole dimensioni

  • Lampadine a risparmio energetico: come scegliere

Torna su
NapoliToday è in caricamento