Vomero

Vomero, via Scarlatti: platani capitozzati. Scoppia la protesta! - VIDEO

Veementi polemiche e proteste al Vomero per le operazioni che, eufemisticamente sul cartello di cantiere, vengono definite di “riqualificazione del patrimonio arboreo” ma che, effettuate da un’impresa di costruzioni edili, si stanno risolvendo in effetti in una vera e propria capitozzatura di tutti gli antichi platani presenti nell’isola pedonale di via Scarlatti, col rischio che potrebbe  essere compromessa anche la vitalità stessa delle piante interessate.

            “ Al punto – ironizza amaramente Gennaro Capodanno – che alcuni hanno cominciato a dare dei veri e propri nomi alle forme assunte dalle alberature stradali dopo l’intervento radicale, così c’è l’albero forcella, l’albero appendiabito, l’albero palo elettrico e così via. Di fatto l’aspetto estetico dell’importante arteria vomerese,  a poche settimane del periodo natalizio, appare totalmente modificato e non certo in positivo “.

            “ Il tutto – ricorda Capodanno – è avvenuto all’indomani della caduta di un ramo da un platano con il ferimento di due passanti. Nei giorni successivi sono iniziate le operazioni di potatura, con la creazione di un vero e proprio cantiere, con tutto ciò che ovviamente ne consegue, e con interventi effettuati con una piattaforma aerea. Peraltro al momento non risultano noti i recenti provvedimenti amministrativi con i quali sono stati disposti gli interventi in atto né si sa chi ha deciso le attività da espletarsi per ciascuna pianta, una delle quali è stata addirittura tagliata. Il risultato al momento è quello che tutti possono osservare “.

“  In verità – continua Capodanno - , come è stato rimarcato anche in altre analoghe occasioni, le piante non andrebbero potate  in modo drastico e indiscriminato, lasciando così la forma di un albero per assumere quella di scheletri inquietanti che, anziché abbellire la città, la rendono ancor più triste e lontana dalla natura “.

“ A mio avviso – puntualizza Capodanno – queste operazioni, oltre essere effettuate con le normali cadenze previste dalle vigenti disposizioni, dovrebbero essere condotte con tecniche più moderne che consentano  una potatura di qualità, come il tree climbing, tecnica che consiste nell’arrampicarsi sulla pianta grazie a corde per poter “lavorare” e potare da una zona privilegiata, cioè dall’interno della chioma, e non dall’esterno come accade invece per potature effettuate con piattaforme aeree, come quelle che vengono abitualmente utilizzate “.

“ Con la tecnica indicata  – prosegue Capodanno - la rimonda del secco e i tagli di selezione possono essere fatti con estrema precisione ed in modo razionale, laddove con le piattaforme aeree si rende necessario effettuare tagli che possono risultare inutili, se non addirittura dannosi, per aprirsi la strada all’interno della chioma. Senza considerare il fatto che un tree climber possiede sicuramente un bagaglio tecnico più elevato di quello di un operaio di un’impresa edile “.

“ Tra gli altri vantaggi del tree climbing – afferma Capodanno - vanno sottolineati: il minor ingombro di mezzi meccanici, che  produce ovviamente ripercussioni positive anche sul traffico veicolare, il poter operare con più tree climber contemporaneamente su una singola pianta o su piante adiacenti senza che interferiscano, come potrebbe invece accadere con più di una piattaforma aerea, il poter raggiungere la parte più alta  della chioma, qualunque sia l’altezza della pianta, vantaggio notevole nei casi nei quali i tagli da effettuare, quando si opera con piattaforme aeree,  potrebbero essere determinati dall’altezza che può raggiungere il braccio meccanico e non dalle reali esigenze di potatura della pianta “.

Capodanno al riguardo auspica un intervento immediato delle autorità competenti, al fine di contemperare le esigenze prioritarie, legate alla sicurezza, con quelle di salvaguardare le alberature stradali, nel rispetto di tutte normative al riguardo vigenti, avvalendosi di tecnologie all’avanguardia.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Donna che al timore di dio che fare di prestito ad ogni persona serietà e capace di rimborsate. Questo messaggio si rivolge ai privati, ai poveri, o a tutti coloro che sono nella necessità di un prestito particolare per ricostruire la loro vita. siete alla ricerca di prestito per sia rilanciare le vostre attività sia per la realizzazione di un progetto, sia per comperarvi un appartamento ma siete vietato bancario o la vostra cartella ad estate respinta alla banca. Sono un privato io assegno prestiti che vanno di 1.000€ a 5.000 000€ ad ogni persona capace di rispettare le condizioni .per più di info: federica.servizi1@gmail.com

  • È MOLTO MERAVIGLIOSO Se ho trovato il sorriso è grazie al sig.ra ROZZI GRAZIELLA che ho ricevuto un prestito di 115.000€ e due amici colleghi hanno anche ricevuto prestiti di denaro tra privato di questa donna senza alcune difficoltà con un tasso di 2,5% all'anno. Li consiglio più voi non fuorviate persone se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro. Pubblico questo messaggio perché il sig.ra ROZZI GRAZIELLA mi ha fatto bene con questo prestito di denaro. È tramite un'amica che ho incontrato questo signora onesto e generoso che mi ha permesso di ottenere questo finanziamento. Allora vi consiglio di contattarlo e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete. ecco la sua posta elettronica..Email / rozzigraziella@gmail.com

  • È MOLTO MERAVIGLIOSO Se ho trovato il sorriso è grazie al sig.ra ROZZI GRAZIELLA che ho ricevuto un prestito di 115.000€ e due amici colleghi hanno anche ricevuto prestiti di denaro tra privato di questa donna senza alcune difficoltà con un tasso di 2,5% all'anno. Li consiglio più voi non fuorviate persone se volete effettivamente fare una domanda di prestito di denaro per il vostro progetto e qualsiasi altro. Pubblico questo messaggio perché il sig.ra ROZZI GRAZIELLA mi ha fatto bene con questo prestito di denaro. È tramite un'amica che ho incontrato questo signora onesto e generoso che mi ha permesso di ottenere questo finanziamento. Allora vi consiglio di contattarlo e li soddisfarà per tutti i servizi che gli chiederete. ecco la sua posta elettronica..Email / rozzigraziella@gmail.com

  • Avatar anonimo di Roberta
    Roberta

    Dovrebbero essere protetti, i platani sono alberi monumentali. " Con la recente legge n.10/2013 recante "Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani". (pubblicata sulla GU n.27 del 1-2-2013) è stata introdotta, per la prima volta in Italia, la definizione giuridica di "albero monumentale". I requisiti indicati sono i seguenti: 1. l'albero ad alto fusto isolato o facente parte di formazioni boschive naturali o artificiali  ovunque ubicate ovvero l'albero secolare tipico, che possono essere considerati come rari esempi di maestosità e longevità, per età o dimensioni, o di particolare pregio naturalistico, perrarità botanica e peculiarità della specie, ovvero che recano un preciso riferimento ad eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico, culturale, documentario o delle tradizioni locali; 2.  i filari e le alberate di  particolare pregio paesaggistico, monumentale, storico e culturale, ivi compresi quelli inseriti nei centri urbani; 3.  gli alberi ad alto fusto inseriti in particolari complessi architettonici di importanza storica e culturale, quali ad esempio ville, monasteri, chiese, orti botanici e residenze storiche private.  Che tipo di tutela esiste relativamente agli alberi monumentali in Italia? Ai sensi del vigente Codice in materia di tutela di beni paesaggistici (Dlgs 42/2004 e successive modifiche) il Patrimonio Culturale nazionale è costituito da Beni culturali e da Beni paesaggistici. Il D.lgs. 63/2008 ha introdotto, nella categoria delle cose immobili, di cui all'art. 136 lett. a del Codice, gli «alberi monumentali». Gli alberi monumentali, in quanto Beni paesaggistici a tutti gli effetti, sono, quindi, entrati a far parte del patrimonio culturale nazionale, proprio come i capolavori dell'arte umana. Su di essi, quindi può essere apposto il "vincolo paesaggistico" che ne impedisce l'alterazione o l'abbattimento.  A ciò si aggiunge quanto disposto dalla legge n.10/2013 che stabilisce che: "salvo che il fatto costituisca reato, per  l'abbattimento o il danneggiamento di alberi monumentali si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da  euro 5.000 a euro 100.000". Inoltre, è applicabile l'articolo 635 del Codice penale che disciplina il reato di danneggiamento (pena dai sei mesi ai tre anni)." Fonte: http://www.corpoforestale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/6224  

  • Avatar anonimo di salvatore
    salvatore

    E meno male che Sodano (Assessore all'ambiente) è un Agronomo !

  • Napoli è una città poco " verde" . Dovrebbero mettere alberi, possibilmente sempreverdi, in tutte le strade. Invece si vede solo cemento.....,.,.,

  • sono macellai non giardinieri! Ma un minimo di conoscenza di come si potano le piante non l'hanno avuta? In questo modo si indebolisce la pianta e i nuovi rami sono più soggetti a cadere con i relativi danni

  • Avatar anonimo di lucio iaccarino
    lucio iaccarino

    uno schifo !!! dimostrazione di tutta l'incompetenza degli addetti ai lavori.Avrebbero fatto prima ad abbatterli definitivamente.

Torna su
NapoliToday è in caricamento