Vomero

Vomero, potatura al palo: oramai i rami delle alberature stradali arrivano ai piani alti degli edifici

Nonostante la stagione invernale sia oramai inoltrata e tra un mese entrerà anche la primavera, allo stato, l’operazione di potatura degli alberi, nelle principali strade e piazze del Vomero, è ancora al palo

 “ Nonostante la stagione invernale sia oramai inoltrata e tra un mese entrerà anche la primavera, allo stato, l’operazione di potatura degli alberi, nelle principali strade e piazze del Vomero, è ancora ferma  -  afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Questa operazione, notoriamente, va eseguita proprio nel periodo invernale, prima che comincino a fiorire le gemme e che spuntino nuovi rametti, pure al fine di riequilibrare alberi che potrebbero risultare sbilanciati o che oscillano molto in caso di vento forte, con il rischio che si schiantino al suolo “. In questi casi proprio durante le operazioni di potatura si procede con operazioni mirate tese ad alleggerire la chioma dal lato dove l’albero pende e, se l’oscillazione è notevole, l’albero può anche essere ridotto in altezza.

 “ Bisogna al riguardo tenere conto del fatto che i rami di diversi platani secolari, privi della necessaria potatura, arrivano oramai fino ai piani alti degli edifici spingendosi verso le finestre e i balconi delle abitazioni – continua Capodanno -. Inoltre per alcune di queste essenze, attaccate da malattie quali il cancro rosa o afflitte dalle famigerate “ cimici del platano “, si è dovuto, in un recente passato, procedere all’eliminazione, lasciando le fonti d'albero vuote “.

“ L’arrivo della primavera, laddove non si provvedesse per tempo, potrebbe aggravare questo stato di cose, riproponendo le stesse situazioni che si sono verificate in passato – conclude Capodanno -. Per evitare ciò, occorre un intervento immediato e urgente teso a scongiurare che tali eventi si ripetano, sia attraverso un’opportuna potatura sia prestando le necessarie cure alle piante che risultassero affette da eventuali patologie oltre a provvedere a mettere a dimora nuove essenze arboree nelle fonti che ne risultano prive “.

Sulla vicenda Capodanno sollecita ancora una volta gli uffici preposti dell’amministrazione comunale per un intervento immediato.

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Una serie di imprecisioni e corbellerie impressionante. "Facite ammuina", e il verde viene distrutto. 1. La potatura si fa solo se serve (altrimenti si buttano soldi e si rovinano gli alberi, come si sta facendo). Nel nostro caso poteva essere limitata a pochi tagli di piccolo diametro (ma poi non si sarebbe vista, e il merito chi se lo prendeva?); 2. Il regolamento comunale in ogni caso la consente dal 15 ottobre al 31 marzo, quindi si è ancora in tempo; 3. L'oscillazione non c'entra niente con gli schianti, anzi, è un modo con cui le piante possono dissipare la spinta del vento; 4. i rami non entrano nelle finestre, anzi, cercano di andare verso il centro strada alla ricerca di luce; in ogni caso le piante non si abbassano ad capocchiam, ma in maniera limitata e con tagli di ritorno (almeno se qualcuno degli operatori avesse una vaga idea di che cosa sono) 4 Il cancro rosa (sic!, si chiama colorato) non esiste per fortuna in Campania 5. Le cimici del platano non portano a morte la pianta e possono essere combattute con insetticidi (con trattamenti fogliari o per endoterapia). Potare (e soprattutto potare male) le fa sviluppare ancora di più, con tutte quelle buone foglioline tenere dei ricacci...

Torna su
NapoliToday è in caricamento