Storie&Controstorie

Storie&Controstorie

Canè idolo azzurro: compie 80 anni

Con Sivori e Altafini fece sognare il Napoli sul finire degli anni '60

Canè, foto De Cristofaro-NT
Auguri al grande Canè che oggi compie 80 anni.
Il suo nome probabilmente dice poco o nulla ai tifosi più giovani, ma chi di anni ne ha un po' in più lo ricorda bene.

Nato a Rio de Janeiro il 21 settembre 1939, la leggenda narra che il nomignolo di Cané gli fu dato dalla madre Imperialina: "cané" è il diminutivo di caneca, la tazza dalla quale si beve il latte che lui aveva sempre tra le mani.

Arrivò a Napoli nel 1962. Era il Napoli di Achille Lauro.

I tifosi lo elessero a beniamino degli spalti e per lui si inventarono lo storico slogan Didí, Vavà e Pelè sít 'a uàllera 'e Canè.

Tante partite, tante emozioni (anche con Sivori e Altafini), tanti gol oltre che una parentesi di qualche stagione al Bari.

Canè occupa un ruolo di primo piano nella storia dei calciatori che hanno fatto la storia del Napoli.

Navigando su Internet, per chi vorrà approfondirne le gesta, sulla storia del brasiliano ci sono molti articoli interessanti. 

Non è difficile incontrare l'asso brasiliano ancora oggi in giro per il Vomero, sempre in splendida forma.

Storie&Controstorie

" Storie e storielle. Fatti e fattacci. Il bello e il brutto. Insomma, un po' di Napoli. Mario Amitrano 50 anni, napoletano d.o.c., giornalista ""da sempre"". "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento