NapoliSocial

NapoliSocial

A Napoli c'è un nuovo cantante misterioso: dopo "Liberato" ecco "Velato"

Un nuovo artista partenopeo decide di celare il suo volto e restare nell'anonimato

Velato (foto Facebook VELATO)

Un nuovo misterioso artista napoletano si affaccia all'orizzonte, dopo l'ormai illustre predecessore Liberato.

Il suo nome è "Velato" e da qualche giorno sono on line le sue pagine social.

Lì è possibile trovare i suoi primi singoli "Ammoreperz" e "Nunturnà", disponibili anche su Spotify, Itunes e Deezer.

"Velato è una voce della provincia napoletana facilmente associabile alla New Wave del melodico napoletano che si esprime nell'anonimato per promuovere l'arte e la musica e non la propria immagine e persona - si legge nella biografia - . Il percorso artistico nasce dalla consapevolezza di doversi affidare completamente alla poetica e all'interpretazione classica esclusivamente tipica del territorio campano e di Napoli nel dettaglio, che ancora oggi sente il bisogno di esprimersi per immagini e metafore, toccando sensibilità ed emozioni, motore stesso dell'espressività dell'artista".

🌹 Accussì ogni onda t'ó po'dic' 🌹VELATO NUNTURNÀ ascolta su Spotify 🌊 link in bio . . . #trapitalia #napoli #cantanti #musicanapoletana #love #vesuvio #canzoneapoletana #neomelodico #music #rapitaliano #sicilia #puglia #trap #musica #naples #indieitalia #rapper #milano #italia #hiphopitaliano #calabria #napolinelcuore #sud #newproject #roma #radio #caserta #campania #artisti #rap

Un post condiviso da VELATO (@velato1926) in data:

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

Torna su
NapoliToday è in caricamento