Lo strano uso del superlativo nella lingua napoletana

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

In lingua napoletana non esiste quasi per nessun aggettivo il superlativo assoluto. Come ci spiega lo scrittore Amedeo Colella, a differenza dell'italiano, il dialetto partenopeo per rendere il superlativo, invece del suffisso -issimo, ripete l'aggettivo una seconda volta. Così, bassissimo divente "curt curt", grassissimo diventa "chiatt chiatt", pianissimo diventa "cuoncio cuoncio". Colella spiega origine e significati dei superlativi più divertenti del napoletano. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Notizie SSC Napoli

    Selfie con De Laurentiis e sfottò, il video di un tifoso del Napoli diventa virale

  • Cronaca

    Agguato a San Giovanni, un morto e un ferito: le urla strazianti

  • Media

    Tony Colombo e le polemiche sulla festa di nozze: "Ora parlo io" | VIDEO

  • Notizie SSC Napoli

    Juve eliminata dall'Ajax, l'esultanza smodata del tifoso del Napoli | VIDEO

Torna su
NapoliToday è in caricamento