Lo strano uso del superlativo nella lingua napoletana

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

In lingua napoletana non esiste quasi per nessun aggettivo il superlativo assoluto. Come ci spiega lo scrittore Amedeo Colella, a differenza dell'italiano, il dialetto partenopeo per rendere il superlativo, invece del suffisso -issimo, ripete l'aggettivo una seconda volta. Così, bassissimo divente "curt curt", grassissimo diventa "chiatt chiatt", pianissimo diventa "cuoncio cuoncio". Colella spiega origine e significati dei superlativi più divertenti del napoletano. 

Potrebbe Interessarti

  • Papa Francesco a Napoli, la caduta di Sepe|VIDEO

  • Tabellone montato, immagini esclusive dallo Stadio San Paolo | VIDEO e FOTO

  • Concerto D'Alessio-D'Angelo rimandato, il video di scuse: "Avevamo litigato"

  • Tony Colombo va sulla moto d'acqua: "Ciao lupacchiotti"

Torna su
NapoliToday è in caricamento