La buona novella

La buona novella

Angelica Borrelli: "Sogno di vedere un giorno gli occhi dei miei figli"

L'intervista a cuore aperto alla cantante neomelodica non vedente molto attiva nel sociale

La cantautrice Angelica Borrelli convive dalla nascita con gravi problemi alla vista. Solo a cinque anni un intervento chirurgico le ha consentito di poter vedere le quelle luci che la guidano e le sono d'ispirazione quando scrive e compone musica. Già da piccola la vocazione musicale la rapisce, e Angelica impara a suonare il pianoforte. Con la collaborazione del fratello Pasquale inizia ad incidere musica e viene notata da importanti etichette discografiche.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Nel 2016 intraprende la collaborazione con la docu-serie Le Camorriste (Sky), per la quale incide la colonna sonora. 

Da tempo Angelica è impegnata nel sociale: ha partecipato, ad esempio, all'evento pubblicitario riguardante il Trattato di Marrakech, "per facilitare l'accesso ai testi pubblicati alle persone non vedenti, con incapacità visive o altre difficoltà ad accedere al testo stampato". Quando compone un testo lo ricorda a memoria finché non viene inciso. "E' come se quel pezzo, una volta composto, lo conoscessi già a memoria, come se fosse già mio da tempo"

Il suo sogno più grande resta quello di poter vedere un giorno gli occhi dei suoi bambini, finora solamente sognati a causa della cecità.

La buona novella

Per chi è stanco delle narrazioni pessimistiche su Napoli, ecco uno spazio dedicato a tutto ciò di positivo che la città può raccontare

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Un Angelo dalla voce mistica; speriamo che Padre Pio le consenta di realizzare nella luce il suo sogno!

Torna su
NapoliToday è in caricamento