L'Oro di Napoli

L'Oro di Napoli

Mimì alla Ferrovia tra le migliori aziende italiane: il premio a Roma

Michele Giugliano, storico patron dell'attività nel quartiere della Stazione Centrale, e il nipote Salvatore, sono andati a ritirare le due pergamente (Riconoscimento speciale alla carriera) in Camera dei Deputati

Il Comitato del Gran Premio Internazionale del  Leone d'Oro di Venezia ogni anno seleziona le migliori aziende italiane che con la loro attività hanno contribuito alla crescita dell'economia italiana. Quest’anno tra queste aziende c’è il Ristorante Mimì alla ferrovia, che è stato convocato a Roma presso la Camera dei Deputati,  per ritirare le pergamene Miglior Azienda 2018 - Riconoscimento speciale alla carriera e Riconoscimento speciale per meriti professionali e la ‘nomination’ per partecipare alla selezione che verrà effettuata dal comitato tecnico composto da professionisti del settore per ottenere il prestigioso premio internazionale Targa del Leone d'oro nell’ incantevole scenario della laguna veneziana.

“È un grande onore aver ricevuto questo riconoscimento così prestigioso”, ha affermato Michele Giugliano senior, pilastro e motore dell’attività, che insieme all’omonimo cugino Michele ha decretato il successo del ristorante partenopeo. “Siamo in una traversa nei pressi di Piazza Garibaldi dal 1943, allora il quartiere ferrovia era un crocevia di importanti traffici commerciali e punto di ritrovo della “Napoli bene”, oggi è un quartiere spesso denigrato dall’incuria e dall’indifferenza di chi lo vive e dalle autorità. Ma per noi, e non solo, è un baluardo, è il sogno di Mimì e Ida che coraggiosamente, nei tempi della guerra hanno creduto in questa attività e ne diedero vita sfidando il buon senso comune.”

mimì alla ferrovia

“La nostra sfida", prosegue Salvatore Giugliano, il giovane e talentuoso nipote di Don Mimì che, affiancato dagli storici cugini Michele e Michele e dalla cugina Ida, porta avanti la tradizione del buon cibo partenopeo, “è mantenere le radici ben salde nella tradizione con la proposta di ricette classiche e al contempo avere una visione dilatata verso i nuovi orizzonti gastronomici, per riuscire a soddisfare ogni ospite, amico di Mimì. Questi riconoscimenti ci testimoniano che la strada che stiamo percorrendo, dopo 75 anni di duro lavoro ma tante soddisfazioni e successi, è ancora una volta la giusta direzione e noi continueremo con tenacia e passione per servire la migliore cucina partenopea”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

Torna su
NapoliToday è in caricamento