L'Oro di Napoli

L'Oro di Napoli

Le 7 migliori “zuppe di cozze” di Napoli: dove mangiarle

Da Via Foria al Borgo Marinari, dai Camaldoli a Pozzuoli, ecco un elenco di indirizzi dove poter mangiare una "zuppa" davvero unica

Piatto tradizionale del Giovedì Santo, la zuppa di cozze è una delle pietanze più amate dai napoletani. Che sia preparata in casa o consumata al ristorante non importa, basta che la ricetta sia quella della tradizione. Pochi ingredienti ma amalgamati bene: cozze, polpo, lumache di terra (dette anche “munacelle”), olio piccante, peperoncino, aglio, pomodori, prezzemolo e gli immancabili crostini di pane con cui fare la mitica “scarpetta”. Ma dove mangiare a Napoli la zuppa di cozze preparata come tradizione vuole? Ecco un elenco stilato da NapoliToday di 7 indirizzi dove poter gustare una "zuppa" davvero unica.

A Figlia d''o Marenaro 

Se amate la zuppa di cozze non potete perdervi quella servita da “’A figlia d”o marenaro”. Preparata come tradizione impone, ha un sapore davvero unico. Il pesce freschissimo utilizzato lo si percepisce sin dall’odore che proviene dalle cucine. Il sapore paradisiaco ve lo confermerà. Il ristornate che si affaccia su Via Foria è piccolo ma molto caratteristico: i colori bianco e blu e gli arredi richiamano lo stile marinaresco. La presentazione dei piatti e il menù a base di pesce molto vario rende la taverna adatta a qualsiasi tipo di celebrazione.

Indirizzo: Via Foria, 180/182

Telefono: 081 440827

A Figlia d''o Marinaro-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, grave lutto per Luisa Amatucci: si è spenta la madre

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Ancelotti, lo splendido post della figlia Katia: "Napoli è una mamma. Vado via piangendo"

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 9 al 13 dicembre

  • Lutto per l'attore Alessandro Preziosi, è morto il padre Massimo

Torna su
NapoliToday è in caricamento