L'Oro di Napoli

L'Oro di Napoli

Il Natale di Cannavacciuolo: "Qui al Nord è come una normale domenica a Napoli"

Intervistato, il famoso chef ha raccontato come trascorreva e come trascorre le festività adesso che vive in Piemonte

Antonino Cannavacciuolo

In una lunga intervista all'Huffington Post, il famoso chef napoletano Antonino Cannavacciuolo ha parlato del Natale e delle differenze tra come questo viene vissuto al Nord e al Sud del Paese.

Lavora spesso in queste giornate – spiega – ma è riuscito comunque a trovarsi lo spazio, con gli anni, per vivere un "Natale alternativo". Alternativo soprattutto per il fatto che non vive più al Sud, laddove al Nord "il Natale è come una domenica normale a Napoli".

"Il Natale da noi si aspetta tutto l’anno – spiega Cannavacciuolo a proposito delle tradizioni napoletane – e quando sei bambino è tutto meraviglioso. I preparativi iniziano settimane prima, si contratta per gli acquisti, ci si mette tutti d’accordo su cosa preparare. È una festa che dura un mese. È una gara con l’intero vicinato".

Cannavacciuolo ha trascorso la sera della Vigilia in famiglia, mentre oggi dovrà lavorare. Ecco cosa ha spiegato che avrebbe cucinato per ieri sera: "Quando ero a Napoli rispettavo i piatti del Natale tradizionale, invece da quando vivo al Nord il mio Natale è un po’ diverso. Metto in tavola i ricordi di Napoli, della cucina napoletana". E quindi va di ragù, parmigiana di malanzane, poco importa se non si tratta di piatti tradizionalmente natalizi.

A proposito del Natale al Nord spiega: "Scherzo sempre con mia moglie perché alla fine un Natale piemontese (vive in provincia di Novara) è come una qualunque domenica a Napoli. Se ne è resa conto lei stessa quando un anno abbiamo chiuso Villa Crespi a Natale e siamo andati a Napoli, lì ha visto con i suoi occhi cosa vuol dire: il Natale è da noi l’abbondanza, la condivisione. C’è un’energia magica: ci si dimentica dei problemi, tutto deve andare bene, tutti devono stare bene".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma Napoli non è soltanto nei ricordi dello chef, tornerà presto in città. "Aspetterò la Befana. Chiudiamo Villa Crespi dal 7 gennaio, ma ho già programmato tutto. Quest’anno, con tanta gioia, andrò a Napoli col mio figlio più piccolo, Andrea. Solo io e lui. Sono molto contento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento