I media e Napoli

I media e Napoli

“Italiano o napoletano?”: così i moduli d'iscrizione nelle scuole inglesi

L’ambasciata italiana a Londra ha immediatamente protestato: "Siamo un Paese unito dal 1861". David Faraone, sottosegretario all’Istruzione: "Nella scuola italiana abbiamo superato pregiudizi del genere"

Foto Facebook

Novità tutta da interpretare in alcune scuole inglesi e gallesi. Ai cittadini italiani che desiderassero iscrivere lì i loro figli chiedevano se fossero "italiani", oppure "italiani-siciliani" o "italiani-napoletani". Non c'è da inorgoglirsi troppo in fatto di campanilismo: moltissimi genitori si sono lamentati trovando la domanda discriminatoria.

L'ambasciata italiana nel Regno Unito, sollecitata da un ministero dell'Istruzione solerte come di rado, ha chiesto chiarimenti attraverso il suo rappresentante Pasquale Terracciano, sottolinendo anche con un po' di sarcasmo che "siamo uniti dal 1861". L'ambasciatore ha spiegato che c'era – questo è quanto gli è stato spiegato – "intenzione d’identificare inesistenti esigenze linguistiche particolari". Terracciano ha inoltre reso noto che ne ha chiesto l'immediata rimozione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Foreign Office ha promesso di far correggere i moduli. David Faraone, sottosegretario all’Istruzione, è intervenuto sulla vicenda definendo "incredibile che ancora oggi siamo costretti ad affrontare pregiudizi di questo tipo". "La scuola italiana ha superato da tempo questi stereotipi", ha concluso. Ma anche su questo, in realtà, ci sarebbe molto da discutere (e qualche esempio di segno contrario a portata di mano).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

Torna su
NapoliToday è in caricamento