I media e Napoli

I media e Napoli

Cartello discriminatorio verso i napoletani, Esselunga: "Dipendente sospeso"

La società milanese, "dissociandosi completamente dalla grave azione", specifica che l'avviso era opera di un singolo dipendente, verso il quale sono immediatamente stati presi provvedimenti

L'avviso esposto

Ha suscitato molte polemiche la vicenda – raccontata in anteprima da NapoliToday – del cartello dai contenuti discriminatori apparso in un supermercato Esselunga in via Feltre a Milano. Un avviso interno visibile al pubblico in cui si mettevano in guardia gli operatori di cassa dai "famosi 'napoletani'". Di fatto, truffatori.

La stessa società milanese ha preso provvedimenti verso l'autore dell'avviso. "Siamo sinceramente rammaricati per quanto accaduto – spiega l'ufficio stampa di Esselunga – ci dissociamo completamente da questa grave azione, avvenuta in uno specifico negozio Esselunga su iniziativa di un singolo dipendente".

Il dipendente – sottolineano ancora da Esselunga – è stato "immediatamente sospeso dal servizio".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • la fama ve la siete creata da soli..

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Comizio di Casapound, i collettivi antifascisti vengono respinti dai poliziotti

  • Cronaca

    Scomparsi in Messico, i giornali messicani: "La Procura è in contatto con l'Ambasciata"

  • Notizie SSC Napoli

    Serie A, il Napoli torna al suo posto: battuta la Spal, azzurri in vetta

  • Cultura

    Lutto nel mondo musicale, è morto il napoletano Sergio Della Monica: fu fondatore dei Planet Funk

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni puntate dal 19 al 23 febbraio 2018

  • Caterina Balivo scatenata al concerto di Jovanotti: “Caro Lorenzo...”

  • Dolori cervicali, quali sono i rimedi: i consigli dell’esperto

  • Napoli-Lipsia, come vedere la partita

  • Tempesta di neve sul Vesuvio: auto e turisti bloccati | VIDEO

  • Scomparsi in Messico, non si hanno più notizie di tre napoletani: cresce la paura

Torna su
NapoliToday è in caricamento