Febbre a 91 (+ recupero)

Febbre a 91 (+ recupero)

Caro Sarri, stavolta il fatturato era dalla tua parte ma la differenza l'ha fatta Gattuso

Il tecnico azzurro annichilisce la corazzata bianconera a disposizione dell'allenatore toscano con una partita tatticamente perfetta

Sarri (foto Ansa)

Non deve essere stata una serata da ricordare quella del 26 gennaio per Maurizio Sarri. Il tecnico toscano tornava da attesissimo ex al San Paolo con la grande occasione di mettersi sul petto una bella fetta di scudetto, in caso di vittoria a Fuorigrotta, visti i passi falsi delle inseguitrici Inter e Lazio.

L'ex allenatore azzurro, però, è incappato in una notte davvero infelice, sua e di squadra. Già perchè Gennaro Gattuso ha preparato una partita dal punto di vista tattico davvero impeccabile, imbrigliando la famigerata "bellezza" sarriana della quale non si è vista traccia. 

In conferenza stampa Sarri ha affermato di aver perso "contro una squadra che ha fatto poco per vincere". In realtà, però, il Napoli ha fatto proprio tutto ciò che era necessario fare per battere la Juventus nella serata del San Paolo, meritando la vittoria. Gli azzurri, nonostante le pesantissime assenze di Koulibaly, Allan e Mertens, ed il momento a dir poco delicato in campionato, sono riusciti ad avere la meglio dello squadrone bianconero, quello del tridente stellare formato da Cristiano Ronaldo, Higuain e Dybala, annullati letteralmente dalla retroguardia partenopea se si esclude la disattenzione nel finale sul gol del portoghese.

La bilancia del fatturato e della rosa, tema tanto caro a Sarri ai tempi di Napoli, stavolta pendeva in maniera preponderante e netta in suo favore. Eppure a far la differenza è stato Gattuso e non lui. L'ex Chelsea inoltre, nonostante l'organico 'megagalattico' a sua disposizione, ha lamentato in conferenza stampa l'assenza di tre campioni del Mondo, ma a parte Khedira non risultano altri indisponibili iridati nella rosa bianconera. 

Nella conferenza prepartita Sarri ha risposto di non pensare ad un ritorno al Napoli in futuro, valutando la possibilità di poter appendere il taccuino al chiodo dopo l'esperienza alla Juve. Forse, però, soprattutto dopo domenica sera, il fantasma del tecnico di Figline Valdarno ha definitivamente smesso di aleggiare sul San Paolo. Ed i fischi, caro Maurizio fidati, non erano proprio d'amore...

Febbre a 91 (+ recupero)

L'analisi del weekend calcistico e del momento del Napoli a bocce ferme, ma non troppo

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento