Febbre a 91 (+ recupero)

Febbre a 91 (+ recupero)

Quoque tu, Kalidou? Alla ricerca del top player smarrito

Il difensore azzurro non sembra quello delle passate stagioni in questo inizio di campionato. Colpa dell'addio di Albiol?

Koulibaly (foto Ansa)

Quando anche il tuo top player numero uno è in un momento così difficile, è il segnale inequivocabile che c'è davvero qualcosa che non va.
E' il caso di Kalidou Koulibaly, stella indiscussa di questo Napoli e tra i 30 candidati finali in lizza per aggiudicarsi l'edizione 2019 del Pallone d'Oro.

Il difensore azzurro sembra un lontano parente di quello ammirato nelle ultime quattro stagioni. Il periodo complicato della squadra di Ancelotti sta influendo sul rendimento generale di tutti i calciatori in rosa, ma a sorprendere più di tutte sono le prestazioni del difensore franco-senegalese, una certezza granitica su cui il Napoli delle ultime stagioni ha sempre potuto contare, senza se e senza ma.

La mancata preparazione atletica estiva insieme ai compagni, a causa degli impegni in Coppa d'Africa, sta sicuramente influendo sulle condizioni fisiche di "Kouli". Il dubbio di molti, però, è che Kalidou abbia perso un importante punto di riferimento con l'addio di Raul Albiol, con cui ha fatto coppia fissa per ben 5 anni di fila all'ombra del Vesuvio. Se "El patron" era la mente, KK era il 'braccio armato'. 

L'arrivo di Manolas, un altro fortissimo difensore, ma dalle caratteristiche molto più simili a quelle di Koulibaly rispetto a quelle di Albiol, ha inevitabilmente spostato i 'galloni' di regista arretrato azzurro sulle spalle del senegalese, ruolo nel quale sin qui un istintivo come lui non ha mostrato di sentirsi troppo a proprio agio.

La speranza è che col passare delle settimane Koulibaly ritrovi finalmente quel rendimento al quale ci ha abituato e che l'intesa con Manolas migliori col tempo. Questo Napoli non può prescindere dai 'miracoli' difensivi di uno dei suoi leader indiscussi. Ad Ancelotti il compito di agevolare le prestazioni dei difensori anche con un centrocampo più adeguato. L'impiego contemporaneo di due calciatori di inserimento del calibro di Fabian Ruiz e Zielinski, come accaduto a Roma, ha palesato uno squilibrio nella fase difensiva in mezzo al campo. 

Febbre a 91 (+ recupero)

L'analisi del weekend calcistico e del momento del Napoli a bocce ferme, ma non troppo

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento