Al Policlinico Federiciano un programma aziendale per l'utilizzo ragionato degli antibiotici

E' sempre più allarme per l'abuso di antibiotici in ogni fascia d'età. L'azienda ospedaliera della Federico II vara un apposito programma per il controllo e la gestione delle terapie

Una giornata di alta formazione al Policlinico Federico II su “Malattie infettive tra presente e futuro: lotta alla sepsi e all’antibiotico-resistenza”.

L'incontro nasce dall’esigenza di affrontare le delicate questioni della sepsi e dell’antibiotico-resistenza: la sepsi, in particolare, rappresenta ancora, spesso, una sindrome misconosciuta da parte dei medici anche se tutt’altro che rara: ogni anno provoca infatti circa 6 milioni di vittime in tutto il mondo. Sono poi molti gli antibiotici che mostrano tassi di efficacia sempre minori nei confronti di molti batteri, soprattutto a causa dell'utilizzo eccessivo ed improprio.

I lavori tengono a battesimo il programma aziendale di antimicrobial stewardship, cioé  best practices per l'utilizzo ragionato della terapia antibiotica, di cui è coordinatore il Prof. Ivan Gentile. Illustrati inoltre i primi dati sulla modifica del consumo degli antibiotici nei reparti di Rianimazione e Medicina Interna coinvolti dal progetto pilota di antimicrobial stewardship intrapreso nell'azienda ospedaliera unievrsitaria guidata da Anna Iervolino.

Tra i professionisti dell’Azienda coinvolti Annamaria Colao, Direttore dell’UOC di Endocrinologia; Maria Triassi, Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica, Farmacoutilizzazione e Dermatologia: Emilia Anna Vozzella, Direttore Sanitario; Antonietta Vozza, Direttore UOC di Farmacia; Antonio Cittadini, Responsabile del PI di Medicina Interna ad indirizzo Metabolico Riabilitativo; Giuseppe Servillo, Direttore del DAI di Chirurgia Generale e Chirurgie Specialistiche, dei Trapianti di Rene, Nefrologia Cure Intensive, e del dolore: Gabriella Fabbrocini, Responsabile del PI di Dermatologia Interventistica e Dermatopatia Immunomediate e degli Annessi Cutanei; Michele Davide Mignogna, Direttore dell’UOC di Medicina Orale; Giovanni De Palma, Direttore del DAI di Gastroenterologia, Endocrinologia e Chirurgia Endoscopica; Sabino De Placido, Direttore del DAI di Oncoematologia, Diagnostica per immagini e morfologica e medicina legale; Massimo Niola, Responsabile del PI di valutazione medico-legale del danno alla persona; Roberto Ascione, imprenditore leader nel campo della digital health; Danilo Ercolini, Docente di Microbiologia Agraria, e Sante Roperto, Docente di Malattie Infettive Veterinarie, entrambi dell’Università Federico II; Giorgio Galiero, Direttore scientifico dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno.

A chiudere i lavori l’attore di “Un Posto al Sole” Lucio Allocca, con uno sguardo “anticonformista” sul tema delle infezioni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

Torna su
NapoliToday è in caricamento