Barrette, snack dietetici e pasti sostitutivi: quando non servono a far dimagrire

I consigli e le raccomandazioni della nutrizionista Stefania De Liguoro

Quando si parla di diete veloci, spuntano immediatamente barrette, snack, e bevande. Molto di tendenza in fatto di dieta e contenimento delle calorie, questi alimenti costituiscono veri e propri "pasti sostitutivi"

Snack e frullati sostitutivi sono sempre sicuri ed innocui? 

Barrette & co, essendo veri e propri pasti sostitutivi, devono corrispondere alle indicazioni di diverse Direttive europee e del Ministero per la Salute che fissano i criteri di salubrità e composizione.

Presentano un apporto calorico che oscilla, mediamente, tra le 200 e le 400 chilocalorie, con una percentuale proteica compresa tra il 25 e il 50% e un quantitativo di grassi pari a massimo il 30% delle chilocalorie complessive. Considerando anche i marchi più noti, a seconda del gusto che si sceglie, le chilocalorie possono restare anche entro le 320.

Le barrette sono tutte identiche e, soprattutto, così utili?

In linea di massima, è possibile elencare i seguenti "pro" dei pasti sostitutivi dietetici:

  • facile trasportabilità
  • elevata conservabilità
  • rapidità di consumo
  • possibilità di ottimizzare il calo di peso senza perdere l'apporto di amminoacidi essenziali
  • possibilità di aumentando l'apporto di proteine, particolarmente utile in caso di diete sbilanciate 
  • indice glicemico moderato
  • buon equilibrio di fibre.

Vi sono però anche significativi aspetti critici come

  • composizione standardizzata
  • non specificità degli apporti calorici e nutrizionali rispetto ai diversi soggetti
  • diseducazione alimentare, spesso conseguenza di un uso eccessivo
  • prezzo.

I pasti sostitutivi sono adatti a tutti oppure no?  

Sicuramente i pasti sostitutivi non hanno controindicazioni. Il segreto, comunque, resta sempre quello di variare.Una barretta, ad esempio, è utile per un pasto veloce, per compensare un'abbuffata, per non restare disgiuni se non ci si può fermare a mangiare. E' chiaro, però, che è importante fare il pasto successivo con alimenti naturali

Con i pasti sostitutivi si raggiunge un buon livello di sazietà?

Il più delle volte i pasti sostitutivi garantiscono un buon livello di sazietà  perché la quantità di proteine è sempre intorno al 25% delle chilocalorie complessive, dunque una percentuale tale da assicurare sazietà prolungata. In questi alimenti, inoltre, sono presenti anche molte fibre solubili che con l'acqua si gonfiano e riducono il senso di fame, dando allo stomaco una sensazione di riempimento.

Barrette & co sono adatti a chi soffre di stitichezza? 

Sicuramente questi alimenti aiutano il transito intestinale. Si consiglia però, comunque, di dare sempre la priorità, ogni giorno,  a verdura e frutta

Barrette e beveroni sostituiscono completamente un pasto bilanciato?

Consumare soltanto ed esclusivamente pasti sostitutivi è un'abitudine alimentare scorretta. In primis è necessario sempre ricordare che solo una dieta ipocalorica abbinata al movimento farà ben dimagrire. Decisamente da evitare, inoltre, il fai da te che rischia di creare non poche conseguenze per il benessere e la salute complessivi. Prima di iniziare qualsiasi dieta è sempre meglio rivolgersi ai professionisti del settore, in grado di consigliare i migliori prodotti per i diversi casi specifici e fornire le più corrette informazioni su utilizzo, composizione e apporto nutrizionale e calorico.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento