Attenti alle castagne matte: sono pericolose

Cosa sono, come riconoscerle e perché sono pericolose

Con ottobre i castagni iniziano a dare i loro frutti e, per quanto possa sembrare strano, anche a Napoli, in particolare nella zona collinare, è possibile trovare castagne lungo alcuni viali o zone verdi. La tentazione di raccoglierle è spesso irresistibile, ma attenzione:  potrebbe trattarsi di "castagne matte".     

Più grosse, scure, lucide e arrotondate delle castagne tradizionali, in realtà le "castagne matte" - o selvatiche o false -  sono i semi dell'ippocastano, un albero ornamentale molto diffuso nelle nostre zone, e non sono per niente commestibili. 

Come riconoscere le castagne matte 

Distinguere le castagne buone da quelle matte non è difficile :

Le castagne commestibili sono il frutto dell'albero del castagno e si raccolgono nei boschi, ad un'altitudine che può variare dai 300 ai 1200 metri. Sono contenute - in numero di 2 o 3 - in un "riccio" pieno di sottilissimi aculei che, a maturazione avvenuta, è di colore marrone. 

Le castagne matte, invece, si trovano nelle strade, nei giardini e nei parchi di città, in pianura o in altura. Non sono frutti, ma semi di un albero ornamentale molto utilizzato per creare belle zone d'ombra. Il riccio delle castagne matte resta verde, e non presenta innumerevoli e lunghi aculei come quello delle castagne commestibili: ha invece piccole punte corte e distanziate e normalmente racchiude un solo frutto, che si presenta rotondo, grosso e molto lucido.

Le castagne e le castagne matte iboltre si differenziano per grandezza e colore: le prime  sono più piccole, meno arrotondate e presentano un ciuffo apicale caratteristico che manca alle castagne matte.

Cosa succede se si mangiano le castagne matte

Mangiare castagne matte provoca una vera e propria intossicazione che, se sottovalutata, può causare problemi seri come lesioni intestinali e renali: i semi dell'ippocastano contengono infatti saponine, sostanze che hanno un effetto irritativo,con vomito e diarrea, in relazione alla quantità ingerita. Tra i sintomi più comuni dell'intossicazione ci sono disturbi digestivi, dolori addominali, nausea, vomito o irritazione della gola.
Le castagne matte, inoltre, sia cotte che crude hanno un sapore amarognolo e l’acqua di bollitura emana cattivo odore.

Cosa fare in caso di intossicazione 

Nel caso abbiate mangiato castagne matte, rivolgiti al centro antiveleni della nostra città  (emergenza sanitaria per intossicazioni: 081.5453333) portando con te i frutti rimasti, in modo che i sanitari capiscano subito cosa è successo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento