Arance: quante calorie hanno e perché mangiarle a dicembre conviene

La loro origine è un mistero, ma sono conosciute da sempre per le loro straordinarie proprietà nutrizionali

Ancora oggi è un mistero l'origine delle arance, tra i frutti più diffusi al mondo. Le prime tracce della loro coltivazione sono state trovate in Asia orientale e risalirebbero a migliaia di anni fa. Nel nostro territorio l'introduzione sarebbe avvenuta intorno al 1300,  ad opera dei  marinai della Costiera Sorrentina che ne avevano appreso dagli Arabi  le più importanti proprietà e ne portavano sempre un grosso carico a bordo nei loro viaggi: le arance sono, infatti, indubbiamente, un superfood in grado di contribuire in maniera determinante a rinforzare il sistema immunitario e a contrastare alcune patologie.

Le proprietà delle arance

Ricche di vitamina C (acidoascorbico), di fibre, di antiossidanti, di tiamina e di folati, le arance fanno bene in particolare

al cuore: un consumo regolare contribuisce a diminuire il rischio di malattie cardiovascolari

ai reni: l'acido citrico e i citrati che contengono aiutano a prevenire la formazione di calcoli renali 

alla pelle: la vitamina C è un potentissimo antiossidante che protegge la struttura dell'epidermine e contrasta i danni dell'esposizione solare e dell'invecchiamento, rallentando la formazione di rughe. La vitamina C ha infatti un ruolo fondamentale nella formazione del collagene

alle difese immunitarie: una spremuta di arance ogni giorno aiuta a rinforzare il sistema immunitario. La vitamina C, infatti, protegge dalle infezioni, stimolando gli anticorpi.

Le arance, inoltre, svolgono un'importantissima azione di contrasto ai tumori e contribuiscono a ridurre l'anemia perché acido ascorbico e acido citrico favoriscono il’assorbimento di ferro attraverso l'apparato digerente.

Vari studi hanno infine dimostrato che un consumo regolare di arance stimola le capacità cognitive.

Arance e dieta

Le arance sono un prezioso alleato per le diete ipocaloriche: costituite per il 90% di acqua e con un indice glicemico basso, danno sazietà ed apportano solo 34 calorie ogni 100 grammi di polpa, in media circa 74 calorie per un frutto.

Ovviamente per apportare i massimi benefici le arance devono essere fresche e proprio dicembre e gennaio  sono i mesi ideali per mangiarle.

La buccia

Come la polpa, anche la buccia delle arance dal punto di vista nutrizionale è preziosa: oltre che particolarmente profumata e saporosa, contiene infatti sostanze che stimolano i succhi gastrici, favorendo la digestione ed alleviando eventuali dolori di stomaco. Più che ottima candita, anche rivestita di cioccolato, la buccia delle arance può essere inoltre utilizzata per preparare infusi o aromatizzate the e tisane.   E il succo delle arance come dei limoni spremuti freschi è ancora offerto in vendita presso i caratteristici chioschi degli acquafrescai napoletani. Come i limoneti, anche gli aranceti sono coltivati al riparo dei caratteristici pergolati che, ritardando la maturazione dei frutti, consentono di raccogliere il prodotto in primavera inoltrata. L'arancia di Sorrento è caratterizzata dalla buccia abbastanza spessa, dall'abbondanza di semi e di succo e dal calibro piuttosto elevato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento