"Parteciperò al Mediterranean Pride vestito come un Gesù omosessuale"

Francesco Mangiacapra, noto avvocato e gigolò, descrive la sua scelta come "un atto politico". "Nessun intento anticlericale, ma anzi un messaggio d'amore"

Francesco Mangiacapra, foto Fb

Parteciperà al Mediterranean Pride di Napoli vestito come un Gesù omosessuale, accompagnato da un efebico angelo con ali di piume di struzzo. È l'ultima provocazione di Francesco Mangiacapra, l'avvocato ed escort che a inizio anno ha consegnato alla Curia partenopea un dossier sui preti gay.

A dare notizia di quello che lui definisce il suo "atto politico", è il Corriere del Mezzogiorno. Non una "provocazione anticlericale", ma un "messaggio d'amore", "positivo" e "pacifico" oltre che finalizzato "a sfatare l’inconciliabilità tra fede e condotta omosessuale". Che non potrà che generare polemiche.

Il Mediterranean Pride of Naples 2018

Mangiacapra spiega che a dimostrazione dei suoi intenti c'è proprio l'identità di chi interpreta l'angelo. Vent'anni, è un fervente cattolico, di giorno operatore pastorale e volontario in una parrocchia della città, di notte performer e ballerino. Conosceva Vincenzo Ruggiero, l'attivista gay brutalmente ucciso ad Aversa un anno fa.

"Non è stato Cristo a creare un pregiudizio basato sulla più grande ossessione dell’essere umano: il sesso – spiega l'avvocato – sono stati altri interessi successivi. Ed è così che ci siamo beccati schiere di preti, di vescovi e papi che non risorgono affatto che muoiono come tutti gli uomini che pretendono di avere autorità, potere e diritto di giudicare, anzi un potere e un diritto di giudicare ben più ampi del fondatore".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da avvocato a gigolò: la storia di Francesco Mangiacapra

Il suo costume potrebbe però infastidire qualcuno. C'è addirittura da stare attenti al reato di "vilipendio della religione". "Invito tutte le persone di chiesa a venire ai Pride per rendersi conto di persona che il mio gesto non risulterà offensivo – spiega al Cormez Mangiacapra – ma sarà un tributo all’amore, lo stesso amore esaltato nel Vangelo. In ogni caso, spesso la morbosità non è nei gesti, ma negli occhi di chi osserva".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento