"Degrado orripilante", turista rifiuta di pagare tassa di soggiorno: l'intervista

Abbiamo chiesto all'autore della lettera sul "degrado cittadino" di spiegarci le sue posizioni

Una foto scatta da Alessandro Tamborini

La sua lettera, pubblicata ieri da NapoliToday, sta facendo particolarmente discutere. Alessandro Tamborini, turista per quattro giorni in città, ha deciso di non pagare la tassa di soggiorno per quelle che ha definito le "condizioni di degrado inverosimili" della zona in cui ha pernottato. "Plenipotenziario, docente di Scienze Religiose, Storia e Simbolismo dell’Arte Antica e Medievale", abbiamo deciso di contattarlo per approfondire la vicenda.

Professor Tamborini, iniziamo dalla tassa di soggiorno. Il Comune di Napoli può riservarsi il diritto di pretenderne da lei il pagamento, crede succederà?
“Se succede denuncerò Sindaco e Amministrazione per tutte le situazioni di disagio vissute con comprova delle mie affermazioni, testimonianze e con le foto raccolte in giro per la città che acclarano la situazione vergognosa nella quale Napoli è tenuta. E poi mi dica: dovrei pagare la multa ad uno come de Magistris che da Sindaco e magistrato di fatto incentiva a violare le norme, come nel caso della chiusura dei porti all’immigrazione clandestina decisa dal Governo? È diritto del turista omettere la tassa di soggiorno, difatti all’uopo è predisposto apposito modulo che vi ho inviato come comprova delle dichiarazioni inviate al Comune”.

La tassa di soggiorno ha lo scopo di raccogliere fondi da destinare al miglioramento dei servizi turistici del Comune. Non crede che la sua protesta possa arrecare un danno alla città, anziché sensibilizzare l’amministrazione?
“Quale danno? il danno lo crea Sindaco e l’Amministrazione incapaci di governare Napoli. Basta uscire da Napoli e visitare per esempio Sorrento, Capri, Salerno, la Costiera, per vedere zone tenute in modo encomiabile ed ottimale. Ho parlato con taxisti, commercianti, agenzie turistiche, cittadini di Napoli: NESSUNO che abbia espresso un giudizio positivo su de Magistris. Per amore di verità, comprendo e affermo da subito che i problemi di Napoli sono numerosi a partire dalle organizzazioni criminali che vi operano, ma in questo caso si parla di mancanza di pulizia, decoro, ordinaria manutenzione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'albergo in cui ha pernottato, pur quattro stelle, si trova nei pressi della Stazione Centrale, luogo più o meno in tutte le grandi città soggetto a degrado. Ritiene che la situazione napoletana sia peggiore rispetto a quella di Roma, Milano o di altri centri di pari importanza?
“L’hotel non sorge sulla disastrata piazza Garibaldi ma in una piazza che dovrebbe avere il rispetto che merita proprio perché sorge a poca distanza di zone di prestigio artistico come Porta Capuana o via dei Tribunali. Ho inviato foto di rifiuti ingombranti come materassi ecc. abbandonati proprio sotto la statua di Garibaldi! Se è pur vero che le zone delle Stazioni sono soggette a un degrado maggiore, vi sfido a verificare se in altre città esiste una situazione pari o peggiore di quella partenopea”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento