Il gruppo “Vangelo, cultura e territorio apre le porte alla politica”

Via alla seconda edizione della scuola di politica della parrocchia di Sant’Antonio a Castellammare di Stabia

Alla presenza del Procuratore Generale di Napoli, Luigi Riello e dell’Arcivescovo S.E. Mons. Francesco Alfano, nonché del sindaco della città Gaetano Cimmino ripartirà il 16 Novembre alle ore 19.00 nel teatro Karol della parrocchia Sant’Antonio la seconda edizione della scuola di politica del gruppo Vangelo, cultura e territorio.

“L’Italia ha bisogno di buona politica, la buona politica ha bisogno di giovani preparati e responsabili”. Con questa frase di Giorgio La Pira il gruppo Vangelo, cultura e territorio, della parrocchia di Sant’ Antonio di Padova di Castellammare di Stabia, dà il via al secondo anno della scuola di formazione politica, un percorso educativo volto all’agire sociale.

I componenti del gruppo, guidati dal parroco don Catello Malafronte, sottolineano che la politica resta l’arte del vivere civile, dell’impegnarsi a favore della collettività. Purtroppo, oggi manca il coinvolgimento dei giovani che si sono visti togliere il piacere della partecipazione attiva sul proprio territorio e da ciò ne deriva inevitabilmente la caduta della democrazia, valore da difendere anche a denti stretti. Uno degli obiettivi della scuola è stimolare i giovani, dai sedici anni in su, a comprendere che ognuno fa parte di un territorio verso il quale bisogna mostrare amore e protezione.

Il Calendario degli appuntamenti

La scuola è strutturata in sette mesi, da novembre a maggio, ore di riflessioni e confronti con laboratori di approfondimenti.  Un impegno importante assunto dalla chiesa locale con relatori illustri e tematiche stimolanti. Inizierà il 16 Novembre alle ore 19.00 nel teatro Karol della parrocchia Sant’Antonio il corso con il Procuratore Generale di Napoli, Luigi Riello su “Legalità diffusa e senso di appartenenza al territorio” alla presenza dell’Arcivescovo S.E. Mons. Francesco Alfano e del sindaco della città Gaetano Cimmino.

Si continuerà il 4 dicembre con Giuseppe Savagnone, Direttore dell’Ufficio Cultura della Diocesi di Palermo “La chiesa deve fare politica? L’impegno dei laici nella Dottrina Sociale della Chiesa”. Il 15 gennaio sarà la volta di Maurizio de Giovanni, Scrittore su “Il territorio napoletano, punti di forza e di debolezza”; si proseguirà il 12 febbraio con Vincenzo liquori, Docente di filosofia su “Giorgio La Pira: il suo testamento politico”. Il 12 marzo lezione di economia “Economia sociale e solidale per un’Unione Europea più inclusiva” con Erik Furno, Docente di Diritto pubblico dell’Università Federico II di Napoli e Domenico De Falco, Docente di Economia.

Il 2 aprile “I valori etici della Costituzione” con Tonino Elefante, Magistrato, già Presidente della Suprema Corte di Cassazione e Cetta Criscuolo, Magistrato. Infine, il 3 maggio con “La comunicazione al servizio del bene comune” con Vania De Luca, Vaticanista Rai news24, Presidente nazionale UCSI, e Vittorio Sammarco, Scrittore, Docente PUS. La fondazione Padre Baldassarre Califano, presieduta dal giudice Antonino Elefante, anche quest’anno ha messo a disposizione dei corsisti meritevoli alcune borse di studio e la Banca Stabiese, nella persona del dottor Maurizio Santoro, ha collaborato per la realizzazione delle attività della scuola.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

  • Tragedia a Mergellina, 22enne si lancia dal settimo piano: muore sul colpo

  • Bimbo ingerisce soda caustica: ricoverato in gravi condizioni al Santobono

  • Renzo Arbore e il saluto a De Crescenzo: “Lucià ti abbiamo portato a Napoli”

Torna su
NapoliToday è in caricamento