La lettera di un commerciante: "Mai chiesto aiuto, ma così mi portate alla tomba"

Luigi è un commerciante di abbigliamento, abituato a cavarsela da solo e a non lasciare indietro nessuno. Ha scritto un appello accorato: "Le restrizioni della Fase 2 minacciano di portare al fallimento tutti i piccoli negozianti come me"

"Le restrizioni che vogliono imporci​ non faranno altro che condurre le nostre attività al fallimento,​ per questo chiedo al presidente Conte e al governatore De Luca​ di mettersi nei nostri panni": a parlare è Luigi Atteo, giovane commerciante napoletano di abbigliamento, titolare di tre negozi, di cui uno nella centralissima via Toledo. Racconta di non essersi mai lamentato, proprio come i colleghi della miriade di piccole attività commerciali che si affacciano dal dedalo di vicoli sulla strada che costituisce il cuore dello struscio turistico e cittadino.

"Le attività piu' piccole - spiega Luigi - lavorano con l'affluenza, hanno margini bassi e quindi, non possono certamente sopravvivere​ facendo entrare due persone per volta. Ho sempre pagato le tasse - racconta - non mi sono mai​ lamentato. Sono 'morto' a livello commerciale per ben due volte e non ho mai chiesto aiuto allo Stato. Con la mia bravura, con​ un pizzico di fortuna e con l'aiuto di Dio sono riuscito a crearmi di nuovo un futuro".

Luigi ha chiuso senza esitare, senza pensare a incassi e guadagni, e non si è dimenticato dei suoi dipendenti: "sono tutti in cassa integrazione dagli inizi di​ marzo, ma non hanno ancora visto neppure un euro. Hanno famiglie da sfamare e ho anticipato io gli stipendi di marzo e aprile,​ prelevando denaro dagli utili dello scorso anno". ​Un gesto fatto senza pensare al proprio tornaconto anche se è costretto, nonostante il lockdown, a sostenere comunque le spese dei suoi negozi e delle famiglie che mantiene:

"Devo pagare 10mila euro di affitto al mese e 13 dipendenti. Di certo non posso metterli in strada.​

Aiuto mio padre che fa l'operaio e guadagna mille euro al mese.

Aiuto anche mia suocera che ha perso il marito l'anno scorso a​ causa di un tumore. Prendeva 1800 euro al mese con l'indennità di accompagnamento. Ma la pensione, con reversibilità, si è​ ridotta a 430 euro. E paga un affitto di 500 euro al mese.​

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiedo a Conte e De Luca - conclude Luigi - di​ riconsiderare le disposizioni della 'fase 2'. così come sono ci​ porteranno alla tomba. Lo so che è difficilissimo governare una​ regione, una nazione, però vi chiedo di tutelarci, anche a nome​ di tutti i piccoli commercianti di Napoli che si trovano nella​ mia stessa situazione. Sono da 38 giorni chiuso in casa senza​ guadagnare un solo euro, vivo con gli utili dello scorso anno e stavolta ho, anzi, abbiamo tutti bisogno di aiuto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nome della presunta amante di Stefano De Martino dato in pasto ai media: "Questa ragazza è disperata"

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

  • Chiude la Gelateria "La Scimmia" di piazza Carità: era aperta dal 1933

Torna su
NapoliToday è in caricamento