Premio al Merito: Sepe e De Jesu al santuario di Madonna dell'Arco

Presenti anche il cardinale Crescenzio Sepe e il questore Antonio De Jesu per la IX edizione del Premio al Merito

Un premio per coloro che si sono distinti nello sviluppo del territorio e nell'affermazione dei principi del bene e della giustizia sociale. È giunto alla nona edizione il premio “Merito al Merito”, organizzato dalla Onlus Lisetta Santoro De Simone. La consegna avrà luogo nella Sala capitolare del Santuario di Madonna dell'Arco, a Sant'Anastasia, giovedì 28 marzo, dalle 18.30.

Tra i premiati, quest'anno, anche il cardinale Crescenzio Sepe, vescovo di Napoli, il questore Antonio De Jesu, il procuratore generale della Corte d'Appello Luigi Riello, la giornalista Maria Chiaria Aulisio e il docente ordinario di Diritto penale dell'Università Federico II Vincenzo Maiello. Riconoscimenti saranno consegnati anche a imprenditori ed esponenti della società civile protagonisti nei rispettivi campi.

Previsti i saluti di monsignore Adolfo Russo, presidente della Onlus, Alessio Romani, rettore del Santuario di Madonna dell'Arco, e di Ermanno Corsi, presidente emerito dell'Ordine dei giornalisti della Campania. La serata sarà condotta dalla giornalista Annalisa Rea. L'Onlus Lisetta Santoro De Simone è stata fondata nel 2004 da Francesco De Simone in memoria della moglie, morta a causa di un tumore. Lisetta Santoro era magistrato della Corte dei conti e l'associazione è nata con l'intento di sostenere le fasce deboli: studenti meno abbienti, orfani, clochard.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'OMS anti Coronavirus

  • Coronavirus, positivi altri 7 tamponi: i casi campani potrebbero salire a 11

  • Coronavirus, primo caso a Napoli: 50enne in buone condizioni

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Coronavirus, Il virologo della Federico II: "Prudenza e intelligenza. Non è peste ma superinfluenza"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento