Il papà di Noemi chiama la mamma di Arturo: “Siamo con voi”

La chiamata arrivata nel giorno della seconda edizione della corsa “Corri contro la violenza” organizzata dall'associazione Artur

Foto Ansa

Hanno in comune l'amore nei confronti dei loro figli e una grande forza con la quale hanno affrontato le difficoltà. La mamma di Arturo, il ragazzo 17enne accoltellato nel dicembre 2017, ha organizzato nella giornata di oggi, a piazza Plebiscito a Napoli, la seconda edizione dell'evento “Corri contro la violenza”. A rendere ancora più preziosa questa edizione è stata la telefonata del papà della piccola Noemi, la bambina di 4 anni ferita nella sparatoria di piazza Nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La chiamata 

Il papà Fabio ha chiamato la signora Maria Luisa Iavarone per testimoniare la loro vicinanza: "Mi ha detto siamo con voi. È un messaggio di grande speranza, di fiducia". Iavarone è presidente dell'associazione Artur (Adulti responsabili per un territorio unito contro il rischio). L'evento sportivo rappresenta un forte messaggio di rifiuto di ogni forma di violenza e di prevaricazione. Alla manifestazione era presente anche il presidente della Camera, Roberto Fico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento