Open Arms, il Comune di Napoli: “Venite a Napoli”

L'assessore Marmorale: “Napoli non ha paura di 160 persone”

"Siamo consapevoli che, a differenza di quanti affermano che potreste tranquillamente arrivare dall`altra parte del Mediterraneo, il porto della nostra città sia troppo lontano. Un viaggio lungo da far sopportare a chi dovrebbe ora ricevere cura, supporto, rispetto, umanità. Ma ricordate sempre che il porto di Napoli è aperto, la città di Napoli non ha paura di 160 persone. Sappiamo di non essere soli.

Il 31 luglio scorso i comuni della Campania che hanno progetti Sprar, che credono in una accoglienza degna, insieme ad altrettanti enti del terzo settore riuniti a Napoli hanno dimostrato che i nostri territori sono lontani da propaganda e retorica. Saremo pronti ad accogliervi e a trovare un luogo sicuro per tutti e tutte. Napoli non lascerà soli chi antepone la vita delle persone agli interessi e al potere personale". È il testo del messaggio inviato dal Comune di Napoli, nella persona dell'assessora Laura Marmorale, al comandante della nave della Ong spagnola Proactiva Open Arms.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Coronavirus cinese: le istruzioni del Ministero della Salute

  • Coronavirus a Napoli, caso sospetto al Pellegrini: ricoverato cittadino cinese

  • Allarme Coronavirus: i medici napoletani chiamati all'aeroporto di Fiumicino

  • Droga e bombe nascoste nel magazzino: arrestato 26enne napoletano

Torna su
NapoliToday è in caricamento