La Tarantina, ai Quartieri Spagnoli inaugurato il murales a lei dedicato

Il 22 marzo compirà 83anni: primo transgender pugliese e ultimo “femminiello” di Napoli, è insieme un simbolo di lotta e di capacità di accoglienza della città partenopea

L'occasione è di quelle ghiotte per parlare di bellezza: della diversità, della solidarietà, della possibilità di esprimersi, della libertà di essere, del territorio in termini di istanza di rilancio e recupero. È l'inaugurazione del murales dedicato alla Tarantina, mitica transgender partenopea, avvenuta oggi alle 16 ai Quartieri Spagnoli alla presenza tra gli altri anche del sindaco Luigi de Magistris.

Il murales dell'artista-madonnaro Vittorio Valiante

IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE

Si parla di bellezza, ed è bella la Tarantina, con il suo sorriso schietto, la sua sincera affabilità, i suoi occhi vivi che hanno visto Napoli risollevarsi dalle macerie della Grande Guerra e poi liberarsi dai pregiudizi. Il 22 marzo compirà 83anni: primo transgender pugliese e ultimo “femminiello” di Napoli, è insieme un simbolo di lotta (contro l'occupazione tedesca e il fascismo, ma anche contro i pregiudizi) e di capacità di accoglienza della nostra città.

All'anagrafe Carmelo Cosma, di Avetrana, ancora minorenne venne ripudiata dalla famiglia. Poi una vita intera a Napoli. La realizzazione del murales dell'artista-madonnaro Vittorio Valiante è stata promossa e sostenuta dalla Fondazione Foqus con il coordinamento e supporto organizzativo del Tavolo interassessorile della Creatività Urbana del Comune di Napoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Brusco calo termico anche al Sud, arriva il freddo invernale

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

Torna su
NapoliToday è in caricamento