Metro al Rione Sanità, arriva la seconda uscita

Don Antonio Loffredo: “Qui le cose più belle sono quelle condivise”

Don Antonio Loffredo

Alla Sanità tutto è possibile. Storie ed esperienze di riscatto si moltiplicano grazie all’iniziativa di realtà associative e imprese sociali che stanno facendo scuola. Un’altra storia la si sta scrivendo proprio in questi giorni. Presto verrà realizzata la seconda uscita della stazione Materdei della linea 1 nel quartiere Sanità. Si tratta di un evento carico di molti significati, a suo modo storico. Innanzitutto per la modalità: negli oltre 40 anni di storia della metropolitana di Napoli, è la prima volta che il progetto di un pezzo della linea ferroviaria cittadina verrà affidato attraverso un concorso gestito dal Comune di Napoli. Ma rendere unica questa piccola grande opera è soprattutto il suo significato simbolico: una volta realizzata, infatti, il quartiere verrà finalmente riconnesso alla città, potendo rimarginare in tal modo la ferità inflitta dai francesi agli inizi del 19° secolo con la realizzazione del famigerato ponte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo sa molto bene la gente del quartiere che, di fatto, chiede a gran voce di poter fare la prima esperienza di progettazione partecipata a Napoli. E lo ha fatto ancor prima che i lavori abbiano inizio. Esponenti della Fondazione San Gennaro, della Cooperativa “La Paranza”, della Cooperativa Sociale “Il Grillo Parlante” e di molte altre realtà associative del quartiere, insieme a tanti altri abitanti, hanno raccolto con entusiasmo il progetto dell'uscita della metro. Di questo processo è stato attore anche Don Antonio Loffredo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le cose più belle di questo quartiere – afferma Don Antonio Loffredo – sono le cose partecipate. Penso alle panchine in legno che abbiamo realizzato in piazza, sono state pensate insieme ai ragazzi del quartiere e ora tutti le percepiscono come proprie, nessuno si permette di vandalizzarle. Questo metodo di lavoro ci fa esultare. Se sarà partecipata, la metro sarà sentita ancor di più come una nuova anima della Sanità, un rione che ha nel sottosuolo un’energia enorme che ora molti stanno imparando a scoprire. Ma non solo la Sanità, è tutta Napoli che ha bisogno di partecipazione per fare le cose, e farle bene”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento