"Io non sono napoletano", polemiche sulle luminarie di San Giorgio a Cremano

La frase di Massimo Troisi, decontestualizzata, ha infastidito diverse persone. A lanciare la polemica è stato Gianni Simioli

È polemica a San Giorgio a Cremano per alcune luminarie natalizie installate in città. Dedicate a Massimo Troisi, figlio illustre del posto, riportano una sua frase che recita "Io non sono napoletano, sono di San Giorgio a Cremano".

Le parole però, a parte dal contesto in cui vennero pronunciate, hanno fatto a molti un effetto poco piacevole, quasi ricalchino alcuni cori discriminatori da stadio. Gianni Simioli, speaker radiofonico della Radiazza su Radio Marte, ha scritto così su Facebook: “A San Giorgio a Cremano sono diventati leghisti? Non ci sono giustificazioni. Non venite quindi a dirmi che Massimo Troisi, che l’avrà anche pronunciata, abbia mai pensato di farne una luminaria di Natale. Caro Sindaco, senza polemica, ma non era meglio ‘illuminare' le sue straordinarie e lungimiranti idee sulla Lega?”.

Tra i commenti al post di Simioli anche quello del noto attore Gianfranco Gallo. “Ma almeno chi ha pensato questa stron***a – ha scritto – è napoletano? No, perché se è di San Giorgio nemmeno Troisi saprebbe apparare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

Torna su
NapoliToday è in caricamento