“L’oro di Napoli”: l’artigianato incontra la cultura gastronomica nei gioielli di Flavio Toro

La presentazione della collezione, realizzata in argento e bronzo, si terrà venerdì 28 settembre nella bottega "Eres Design" al Vomero

Pizza, tarallo, babà e sfogliatella, sono da secoli le fondamenta della cultura gastronomica partenopea. Per omaggiare la città e le sue antiche tradizioni, il giovane maestro orafo Flavio Toro ha deciso di lavorare ad una collezione che faccia da ponte tra la sua arte e quella culinaria: ecco “L’oro di Napoli”.

«In questi anni ho assistito con gioia ad una vera e propria rinascita della città e del suo orgoglio verso le proprie radici più autentiche e antiche – così Flavio Toro - creare legami tra i vari artigiani in città per valorizzarne la cultura nei suoi aspetti più variegati è l'obiettivo di questa campagna, che promuove la mescolanza delle arti all'interno della mia bottega orafa». La bottega d’artigianato Eres Design, che ha visto la luce appena 3 anni fa nel borgo Antignano (in via Arenella 94, al Vomero), ospiterà la presentazione dei nuovi gioielli venerdì 28 settembre dalle ore 19. Anelli, orecchini, collane, fatte a mano forgiando argento e bronzo, che prendono le sembianze dei must della cucina napoletana. In occasione dell’evento, e fino al 18 ottobre, nella piccola officina di gioielli verranno esposti i quadri di Fabrizia Cesarano “Inartebizia”, un'esplosione di colori tra le forme di una Napoli onirica e simbolica. “L’oro di Napoli” è una collezione che omaggerà anche un altro lato della città, quella più misteriosa, esoterica, le cui creazioni verranno svelate soltanto a dicembre.

BIOGRAFIA

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Flavio Toro nasce a Napoli il 6 giugno 1984 e fin da bambino mostra una notevole inclinazione artistica e spiccata abilità manuale. Dopo la maturità classica si avvia all'arte orafa grazie all'incontro con un maestro gioielliere e in seguito si iscrive e poi diploma alla scuola di orafo-gioielliere presso il Tarì di Marcianise, dove viene notato per le sue abilità da un’azienda per la quale svolge uno stage di circa un anno. In seguito inizia a lavorare a Napoli presso uno dei laboratori più prestigiosi della gioielleria napoletana dove apprende ed approfondisce le antiche tecniche di lavorazione dell'alta gioielleria e del design. Dopo diversi anni di laboratorio Flavio Toro ha deciso di non volersi dedicare più esclusivamente all'ideazione, al disegno e alla creazione dei suoi gioielli, ma di poterne curare tutte le fasi, compresa l'esposizione e il rapporto con la clientela. Eres Design è l'espressione completa del gioielliere artigiano Flavio Toro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento