Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Turismo, niente record per l'estate 2018. Gli albergatori: "Allarme abusivi"

 

Dopo tre anni di crescita esponenziale, l'estate 2018 è la prima senza record di turisti per Napoli. Non certo un campanello d'allarme, ma un dato su cui riflettere, se a questo si aggiunge anche l'emergenza legata alle strutture abusive: in città, si contato quasi 9mila esercizi abusivi tra b&b, affittacamere e affini.

Secondo Federalberghi, i posti letto occupati dai visitatori durante l'estate appena trascorsa ammontano al 77 per cento del totale, circa un punto percentuale in meno rispetto al 2017. Nei numeri si sa, ognuno legge ciò che vuole. Motivo per cui, c'è chi esulta per la conferma di percentuali importanti e chi, invece, sostiene che siamo al tramonto del "miracolo napoletano". 

"E' stato un anno di assestamento - afferma Antonio Izzo, presidente di Federalberghi Napoli - Si partiva già da un livello molto alto e non sempre si può crescere. E' anche vero, che viste le potenzialità del territorio, si può sempre fare meglio. Siamo convinti che chiuderemo l'anno sugli stessi livelli del 2017, ma per il 2019 ci aspetta una sfida fondamentale". 

Entrata prepotentemente nei cataloghi dei tour operator, le prossime stagioni segneranno il destino turistico della città: meta del mordi&fuggi e dello street food dai costi bassi o capitale culturale e del turismo di lusso? "L'appuntamento delle Universiadi può rappresentare una grossa opportunità - prosegue Izzo - ma Napoli deve farsi trovare pronta a rispondere alle esienze della platea". 

La risposta non è sempre stata all'altezza, la città paga ancora un gap evidente nella fornitura dei servizi rispetto alle principali mete turistiche europee: "Il sistema dei trasporti è un disastro - accusa il numero uno degli albergatori - Le immagini dei turisti in coda che non possono fare il ticket della metropolitana perché le biglietterie sono chiuse ha fatto il giro del mondo. E' inaccettabile che in estate il servizio venga ridotto". 

Con il boom degli ultimi anni non poteva non proliferare il mercato nero dei posti letto: "A Napoli esistono 900 strutture recettive ufficiali - spiega Antonio Izzo - Eppure, sui siti di prenotazione se ne contano oltre 8.500. Significa che per ogni albergo o b&b legale, ne esistono quasi 9 abusivi. Ciò si traduce in strutture senza controllo, con lavoratori a nero, che offrono spesso un servizio pessimo che macchia l'immagine del nostro territorio". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento