Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Cassa depositi e prestiti, nuova sede a Napoli. Di Maio: "Al Sud devono crescere le esportazioni"

Sarà in via Verdi ed la prima del Meridione. L'amministratore delegato Palermo: "Vogliamo essere vicini alle imprese del territorio e vogliamo aiutarle nell'internazionalizzazione"

 

È stata inaugurata oggi a Napoli la nuova sede territoriale di Cassa Depositi e Prestiti nell’ambito del più ampio progetto finalizzato a rafforzare la capacità d’intervento del Gruppo in Campania. Con l’avvio del nuovo modello operativo, Cdp pone al centro della propria attività lo sviluppo sostenibile dei territori, attraverso il supporto alle imprese e un rinnovato sostegno agli enti territoriali. L’attività viene ridisegnata in funzione delle esigenze delle comunità locali: la nuova sede di a Napoli in Via Giuseppe Verdi 18, sarà il punto di accesso unico all’offerta del Gruppo Cdp e consentirà di valorizzare le sinergie con i partner bancari e le istituzioni locali. L'inaugurazione è avvenuta nei locali dell'ex Manifattura Tabacchi, alla presenza dei ministri Luigi Di Maio e Paola De Micheli.

"Le imprese del Sud rappresentano solo il 10 per cento delle nostre esportazioni - afferma Luigi Di Maio, ministro degli Esteri - e noi dobbiamo lavorare perché questa cifra aumenti. Le aziende campane, come quelle delle altre regioni meridionali hanno tanti prodotti da espotare, e l'inaugurazione di oggi va nella direzione di voler offrire loro strutture e consulenza per l'internazionalizzazione". 

Fabrizio Palermo, amministratore delegato di Cassa Depoditi e Prestiti, punta tutto sulla vicinanza al territorio: "C’è un rapporto storico che ci unisce ai territori. Un rapporto che vogliamo rafforzare ulteriormente avviando un modello di coesione con le pubbliche amministrazioni e le imprese, portando un nuovo schema integrato di professionalità e competenze di Gruppo, fatto di tecnici al servizio del Paese”.

Nell'arco della giornata, siglato anche un accordo tra la Cassa e l'Ice, agenziale per la promozione all'esterno delle imprese italiane: "Vogliamo una Ice più vicina alle aziende e dobbiamo incrementare il numero delle piccole e medie imprese del Mezzogiorno presenti sistematicamente sui mercati internazionali, oggi ancora troppo basso - spiega il presidente Carlo Ferro - La Campania rappresenta il 5 per cento dell'export italiano: da oggi offriamo una presenza per almeno un giorno alla settimana in diciotto regioni italiane, un'antenna di contatto con il network dei nostri 80 uffici all’estero"

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento