Bus turistici, dal 30 marzo via alle nuove tariffe d'accesso alle ztl cittadine

Le nuove regole in materia di accesso, transito e sosta degli autobus turistici nella città di Napoli

La Giunta de Magistris ha approvato oggi un’importante delibera, a firma del Vicesindaco Enrico Panini e degli Assessori alla Mobilità Sostenibile Alessandra Clemente, al Turismo Eleonora de Majo e al Commercio Rosaria Galiero, con la quale, dal prossimo 30 marzo 2020, entreranno in vigore in via definitiva le nuove regole in materia di accesso, transito e sosta degli autobus turistici nella città di Napoli.

Al fine di restituire qualità agli spazi urbani del nostro prezioso centro storico, ridurre le emissioni inquinanti ed incentivare l’uso del trasporto pubblico locale, l’Amministrazione ha stabilito, per i veicoli destinati al trasporto di persone superiori a 9 posti, di subordinare l’accesso alle ZTL al pagamento di una tariffa, in linea con quanto già attuato nelle principali città italiane, con specifiche deroghe ed esenzioni.

In sintesi, le aree all’interno delle quali gli autobus turistici saranno assoggettati al rispetto del Disciplinare constano di 3 distinte ZTL, attive tutti i giorni dell’anno, dalle ore 00.00 alle ore 24.00:

ZTL bus Centro Storico: corrisponde alla ZTL già istituita nel periodo natalizio. Essa è compresa, in direzione Est-Ovest tra corso Lucci e piazza Garibaldi, via Arenaccia a Est e piazza Sannazaro ed il primo tratto di corso Vittorio Emanuele a Ovest. All’interno di questa ZTL, è individuata un’area di totale interdizione al transito degli autobus turistici, in considerazione della ridotta capacità della viabilità e della elevata concentrazione di monumenti. Tale area corrisponde ad una ulteriore ZTL denominata Toledo-Decumani-Carmine.

ZTL bus Posillipo: corrisponde all’area di Posillipo compresa tra via Orazio e la discesa Coroglio. Include la stessa via Orazio, via Posillipo, via Petrarca, via Manzoni, la discesa Coroglio e via Virgilio.

ZTL bus San Martino: include una parte del quartiere Vomero e, per la precisione, il percorso che dall’ultimo tratto di via Scarlatti conduce a Castel Sant’Elmo e alla Certosa di San Martino.

Per quanto riguarda le tariffe che saranno applicate per l’accesso alla ZTL, esse sono differenziate in relazione alla classe ambientale e alla dimensione dei veicoli, alla durata della permanenza nella ZTL e al periodo dell’anno, favorendo i casi in cui sia stata effettuata una prenotazione dell’accesso almeno 48 ore prima dell’ingresso. 

Le tariffe fanno riferimento a 3 diverse fasce orarie: dalle 8.00 alle 15.00; dalle 15.00 alle 22.00 e dalle 22.00 alle 8.00 (tariffa notturna). Il pagamento della tariffa riferita a una delle fasce orarie abiliterà il veicolo all’accesso alle 3 ZTL esclusivamente nella fascia oraria corrispondente. Ad integrazione, si prevedono delle tariffe giornaliere, abbonamenti mensili ed annuali e carnet da 50 a 100 ingressi.

Per il primo anno decorrente dalla data di applicazione del Disciplinare, il costo degli abbonamenti annuali e dei carnet sarà ridotto del 50%, al fine di salvaguardare l’avvenuta programmazione delle attività da parte degli operatori turistici.

Per l’accesso alle ZTL gli utenti dovranno acquistare un apposito ticket on-line, previa registrazione su una piattaforma informatica che sarà messa in rete nei prossimi giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dopo la sperimentazione adottata nel periodo natalizio e prorogata fino al 5 febbraio, dal 30 marzo 2020 avremo anche nella nostra città un dispositivo permanente che disciplina l’accesso dei bus turistici all’area monumentale di Napoli e interdice l’ingresso nelle vie più sensibili del centro antico. Da oggi alla data di partenza del disciplinare lavoreremo alacremente per implementare la piattaforma informatica per l’acquisto dei ticket, informare gli operatori economici interessati e regolare i rapporti tra il Comune ed Anm che gestirà le aree di sosta degli autobus, che garantiscono, a loro volta, più di 600 postazioni di sosta in punti strategici di interscambio con il sistema di trasporto pubblico. Siamo molto soddisfatti di questo lavoro frutto di molteplici contributi preziosi e dell’ascolto delle esigenze di tutte le categorie coinvolte. Ringraziamo, per questo, il Consigliere delegato alla Mobilità Ciro Langella, il Comandante della Polizia Locale Ciro Esposito e i dirigenti Giuseppe D’Alessio ed Ignazio Leone” dichiarano il Vicesindaco con delega ai trasporti Enrico Panini, l’Assessore alla Mobilità Sostenibile Alessandra Clemente, l’Assessore al Turismo Eleonora de Majo e l’Assessore al Commercio Rosaria Galiero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

Torna su
NapoliToday è in caricamento