Il becchino va in bici elettrica: svolta green

"Abbiamo deciso di ridurre, nei limiti del possibile, il parco auto e dotare i nostri dipendenti di bici elettriche", spiega Gennaro Tammaro, imprenditore funebre

Da oggi il becchino va… in bici. Per la precisione, in bici elettrica con pedalata assistita. “Il dibattito sui temi dell’ambiente imperante in questi giorni ha avuto il gran merito di sensibilizzare la cittadinanza sulla necessità di dare un contributo, ognuno nel suo piccolo. Ed è per questo che abbiamo deciso di ridurre, nei limiti del possibile, il parco auto e dotare i nostri dipendenti di bici elettriche”. Lo afferma Gennaro Tammaro, imprenditore funebre dell’omonima ditta.

“Da sempre la nostra ditta – spiega Tammaro – è molto attenta all’ambiente. Pochi ricordano che le operazioni funebri e i materiali utilizzati hanno un impatto importante sull’ambiente ed è per questo che già da anni ci adoperiamo per rendere i nostri servizi il più green possibile. Due esempi su tutti: siamo stati i primi a Napoli a importare l’urna che diventa un albero e siamo sempre i primi ad aver messo a disposizione di chi volesse disperdere le ceneri dei propri cari a mare l’urna in sabbia, idrosolubile e totalmente biodegradabile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le bici non sostituiranno – chiaramente – il carro funebre ma verranno utilizzate dai dipendenti per le altre attività, come il trasporto dei documenti e gli appuntamenti commerciali. “È più che altro un gesto – afferma Tammaro – per sensibilizzare a nostra volta l’opinione pubblico. Un becchino in bici è destinato a farsi notare. Dopo gli iniziali sorrisi, speriamo che chi si imbatta in uno dei nostri dipendenti però rifletta sulla possibilità di adottare anch’esso piccole attenzioni per salvare il mondo. Perché noi siamo per la vita, non per la morte”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • "Smetta di fumare e metta la mascherina": in Circum passeggero manda capotreno in ospedale

Torna su
NapoliToday è in caricamento