Vicenda Aquarius: arriva la solidarietà da Napoli

L'Associazione Antirazzista Interetnica "3 Febbraio" contro l'ennesima inchiesta del procuratore di Catania, Zuccaro

Oggi, la solidarietà è sempre più sotto attacco, presa di mira. Le politiche dell’attuale governo favoriscono e alimentano l’indifferenza, l’inimicizia e l’odio. L’ultimo caso è quello del procuratore della repubblica di Catania, Carmelo Zuccaro, che ha chiesto e ottenuto un provvedimento di sequestro della nave “Aquarius” dell’ONG “Medecins Sans Frontières”. Come hanno scritto anche i commentatori di importanti quotidiani, da tre anni Carmelo Zuccaro si scaglia pubblicamente contro le ONG che salvavano vite in mare, ma non è mai riuscito a provare le sue accuse.

Ora, la motivazione dell’ennesimo attacco a MSF sarebbe una “attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti pericolosi”. E quali sarebbero questi rifiuti? Gli abiti dei profughi soccorsi dalla nave, i kit di pronto soccorso utilizzati a bordo, e i resti dei pasti.Gli indumenti, in particolare, secondo il PM sarebbero “contaminati”.

Tuttavia, come hanno ricordato i medici di MSF in conferenza stampa, le malattie infettive, come la TBC, non si trasmettono con i vestiti. Ci appare non solo assurda e pericolosa questa autentica ossessione del PM Zuccaro per le ONG (che in questi anni, nell’assenza o complicità delle istituzioni statali, hanno salvato migliaia di persone innocenti – incluse tante bimbe e tanti bimbi – da una indegna morte in mare), ma del tutto pretestuosa, e anche razzista, una tale motivazione. Vogliamo ricordare che, nel maggio 2017, a Napoli, i nostri volontari salirono a bordo della nave “Vos Prudence” (l’altra imbarcazione di MSF sottoposta a indagini), che aveva soccorso più di 1400 persone (malgrado i tentativi dello stato italiano di bloccarne lo sbarco per parecchi giorni), e diedero una mano a pulire la nave, senza contrarre alcuna malattia…

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vogliamo esprimere la nostra solidarietà ai volontari e ai medici di MSF e della nave Aquarius. In questo contesto mortifero, in cui ogni pretesto è buono per attaccare chi salva le vite delle persone, è tanto più importante unirsi per difendersi e difendere la vita. Perciò, ancora una volta invitiamo tutte le persone solidali e di buona volontà, minacciate sempre più nella loro vita e nel loro impegno quotidiano, ad unirsi, come e più di quanto abbiamo fatto nella importante manifestazione del 10 Novembre scorso a Roma “Uniti e solidali contro il governo, il razzismo e il decreto Salvini”.
Come Associazione “3 Febbraio”, vogliamo provare a dar vita a un’aggregazione unitaria, solidale, interetnica, duratura e quotidiana, il che significa contribuire alla costruzione di un’alternativa umana per una vita migliore, per tutte e tutti, anche attraverso il sostegno e la difesa delle persone, delle associazioni e delle esperienze solidali. Chi ha a cuore l'umanità si schieri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento