Ricerca e sviluppo, Graded punta sui giovani: oltre 30 colloqui al Career Day Unina

L’azienda partenopea guidata da Vito Grassi è a caccia di giovani talenti da valorizzare: Ingegneri specializzati in R&S, area commerciale, lavoro e servizi

Più di 50 prenotazioni registrate sulla piattaforma jobservice.unina.it, il nuovo canale della Federico II dedicato al mondo del lavoro per avvicinare gli studenti alle aziende, quasi tre ore per oltre 30 colloqui individuali alla ricerca di figure specialistiche altamente qualificate. Si è conclusa così per Graded la lunga giornata del CareerDay organizzato dalla Scuola Politecnica e delle Scienze di Base – Unina. L’azienda partenopea guidata da Vito Grassi, presidente di Unione Industriali Napoli e Confindustria Campania - attiva da 60 anni nel mercato della progettazione, realizzazione e gestione di impianti di produzione di energia ad alta efficienza - è a caccia di giovani talenti da valorizzare. Ingegneri specializzati in R&S, area commerciale, lavoro e servizi.

Merito degli investimenti in ricerca e sviluppo su cui sta puntando l’azienda: sono circa 14 i progetti attualmente in corso per un investimento più che quadruplicato in pochi anni, passando da un milione ai 4-5 milioni attualmente programmati . E, attenzione, non si tratta solo di presentare progetti, ma, spiegano gli ingegneri Graded Davide Capuano e Giuseppe Gregorini al Career Day di “acquisire know how prima dei competitors e rafforzarsi sul mercato”. Ed è per questo che negli ultimi anni Graded ha incrementato le collaborazioni con i principali Atenei e Centri di ricerca del Centro Sud.

Un fatturato di circa 17 milioni di euro nell'ultimo anno, gestione diretta di impianti per 15 MegaWatt - 50 per l'intero gruppo - un numero di dipendenti in continua crescita (ad oggi 62), l'obiettivo della quotazione in Borsa. E' il profilo della società illustrato agli studenti dell’Ateneo federiciano.

Graded è una delle 99 aziende presenti sul portale jobservice.unina.it, il nuovo canale dell’Ateneo dedicato al mondo del lavoro per avvicinare gli studenti alle aziende e viceversa.

“Con Industria 4.0 cambia anche il mondo del lavoro e, di conseguenza, le competenze e le abilità ricercate. Nel prossimo futuro, secondo un recente studio dell’Unione europea, 9 lavori su 10 richiederanno skill specialistiche e digitali – dice Vito Grassi, amministratore unico di Graded -. La nostra azienda continua a puntare su risorse giovani e di talento, altamente qualificate, capaci di contribuire a delineare nuovi scenari. I nativi digitali rappresentano una fonte di stimolo per lo sviluppo e l’innovazione delle aziende perché sono capaci di adattarsi facilmente al contesto lavorativo e non hanno paura di trasformazioni e transizioni. I giovano talenti hanno solo bisogno di un ambiente che creda nelle loro potenzialità, in cui possano esprimersi e riuscire a portare innovazione”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

Torna su
NapoliToday è in caricamento